L'home page del social network Facebook

Cresce l’utilizzo della Rete per le famiglie italiane. A oggi, infatti, la percentuale delle famiglie che possiede una connessione supera la soglia del 50%: dal 47,3% dello scorso anno all’attuale 52,4%. A registrare il balzo di quasi cinque punti percentuali è l’Istat che nell’indagine 'cittadini e nuove tecnologie ’ condotta a inizio 2010 registra anche un aumento dei possessori di personale computer (dal 54,3% al 57,6%). In aumento anche la diffusione della banda larga, che ora si attesta al 43,4% (contro il 34,5% del 2009). Dall’indagine risulta inoltre che le famiglie con almeno un minorenne sono le più tecnologiche: l'81,8% possiede il personal computer, il 74,7% l'accesso ad Internet e il 63% possiede una connessione a banda larga. All'estremo opposto si trovano le famiglie di soli anziani di 65 anni e più che continuano ad essere escluse dal possesso di beni tecnologici. Inoltre, guardando alle diverse aree geografiche, tra il 2009 e il 2010, rimane stabile il divario tecnologico tra il Nord e il Sud del Paese, mentre, evidenzia l'Istat, “si riducono le differenze sociali per quasi tutti i beni tecnologici considerati”. A proposito, la quota di famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditore o libero professionista che possiedono l'accesso ad Internet passa dal 78,6% all'84,2% (+7,1%) mentre tra quelle con capofamiglia operaio passa dal 49,4% al 59,4% (+20,2%).

Uno su due ‘socializza’ sul web, uno su tre fa acquisti
Il 45% degli utenti di Internet utilizza siti di social networking (Facebook, Twitter, Myspace, ecc.), il 36,7% inserisce messaggi in chat, blog, newsgroup o forum di discussione online e il 26,8% utilizza i servizi di instant messaging. In aumento quasi un internauta su tre fa shopping sul web. Secondo quanto emerge, infatti, il 26,4% degli individui di 14 anni e più che hanno usato Internet nei 12 mesi precedenti l'intervista ha ordinato e/o comprato merci e/o servizi per uso privato nello stesso arco temporale (pari a 6 milioni 685 mila persone).

In casa dominano Tv e cellulari, ma anche lettori dvd e computer
In generale, in Italia i beni e i servizi tecnologici più diffusi tra le famiglie sono il televisore, presente nel 95,6% e il cellulare (89,5%). Seguono il lettore dvd (63,8%), il personal computer (57,6%), il videoregistratore (53,2%), l'accesso ad Internet (52,4%), il decoder digitale terrestre (51,9%), la connessione a banda larga (43,4%). Tra gli oggetti tecnologici che non mancano nella case delle famiglie italiane ci sono anche l'antenna parabolica (34,8%), la videocamera (28,4%) e la consolle per videogiochi (21,5%).