Connettiti con noi

Lavoro

Playstation licenzia l’8% della sua forza lavoro globale

Annunciati tagli per un totale di 900 persone. Il presidente e Ceo, Jim Ryan: “Il settore è cambiato radicalmente e dobbiamo prepararci al futuro”

PlayStation licenziamenti La sede di Sony Interactive Entertainment a Foster City, California Credits: Photo by Smith Collection/Gado/Getty Images

Un taglio di 900 dipendenti Playstation a livello globale è stato annunciato da Sony Interactive Entertainment (Sie). I licenziamenti sono pari all’8% dell’intera forza lavoro.

Nell’annunciare la notizia alla community Playstation e ai dipendenti, il presidente e Ceo di Sie, Jim Ryan ha parlato di una “giornata difficile” per l’azienda, parlando di un taglio che coinvolgerà anche persone “di incredibile talento, che hanno contribuito al nostro successo e siano molto grati per il loro contributo. Tuttavia, il settore è cambiato radicalmente e dobbiamo prepararci al futuro per impostare l’azienda per ciò che ci aspetta. Dobbiamo soddisfare le aspettative degli sviluppatori e dei giocatori e continuare a promuovere l’innovazione tecnologica nel settore dei videogame”. Un passo indietro, ha sottolineato il manager, “per assicurarci di essere pronti a continuare a portare le migliori esperienze di gioco alla community”.