Starbucks Milano lavoro

C’è grande fermento attorno a Piazza Cordusio a Milano, dove in autunno debutterà lo Starbucks Reserve Roastery, il primo in Italia dove poter trovare il celebre caffè americano dell’azienda statunitense. 

Starbucks Milano: lavoro per oltre 300 persone

Attraverso un sito creato ad hoc – starbucksreservecareers.it – la società fondata da Howard Schultz (che nel 1983 sperimentò la magia e l’atmosfera dei caffè milanesi, fonte d’ispirazione per la nascita del suo impero) dà il via al reclutamento per il primo negozio Starbucks in Italia. Si prevede l’assunzione di circa 150 partner Starbucks (così vengono chiamati i dipendenti). La maggior parte di questi contratti è a tempo indeterminato e full time, con benefici speciali tra cui i “bean stock”, titoli azionari che la società offre ai propri dipendenti per condividerne i successi. Per conoscere le figure ricercate, basta collegarsi al sito internet. “Questa squadra farà parte di qualcosa di molto speciale per l’azienda”, ha commentato Giampaolo Grossi, General Manager della Starbucks Reserve Roastery di Milano. “Riconosciamo quanta passione per il caffè e quanti baristi di talento ci siano in Italia e ora possiamo condividere di più sulle opportunità di lavoro che stiamo creando”.

Starbuck Milano: le prossime aperture

Dopo l’apertura della Roastery, il licenziatario e socio commerciale Percassi ha in programma di aprire qualche punto vendita Starbucks a Milano nel 2018. I reclutamenti per questi punti vendita cominceranno presto, per creare ulteriori team di baristi. Inoltre saranno presto aperte posizioni anche per panettieri di Princi – partner strategico per il food per tutte le nuove sedi globale Roastery. A fine 2018, a Milano saranno quindi state create oltre 300 nuove opportunità di lavoro.