Patrizia amplia la piattaforma logistica in Italia: 70 milioni per il polo di Mantova

Nuova operazione per la società specializzata nell’offrire opportunità di investimento in asset immobiliari e infrastrutturali. Il nuovo polo industriale nel ‘triangolo d’oro’ sarà occupato da due player internazionali del settore logistico 3PL

Patrizia amplia la piattaforma logistica in Italia: 70 milioni per il polo di Mantova

Patrizia, multinazionale specializzata nell’offrire opportunità di investimento in asset immobiliari e infrastrutturali per investitori istituzionali, semi-professionali e privati, ha annunciato un nuovo investimento da 70 milioni di euro in un moderno polo industriale nei pressi di Mantova, nel cosiddetto ‘triangolo d’oro’ industriale del Paese, lungo l’autostrada A22 tra Verona e Bologna. Il sito, che permetterà a Patrizia di rafforzare la propria piattaforma logistica in Italia, comprende oltre 90 mila metri quadri di spazi, occupati al 100% da due player internazionali del settore logistico 3PL (logistica di terze parti).

Costruito tra il 2022 e il 2023, il moderno polo logistico vanta elevati standard Esg, conformi all’Accordo sul clima di Parigi: entrambi gli asset hanno ottenuto la classificazione Epc A e le certificazioni Leed Gold. Gli immobili sono dotati di tecnologia per la raccolta dell’acqua piovana, illuminazione a Led e pannelli fotovoltaici sui tetti. Inoltre, è già previsto un programma di investimenti per l’installazione di ulteriori pannelli fotovoltaici, che sosterrà ulteriormente la strategia di decarbonizzazione dell’intero sito.

“Con i tassi di sfitto prossimi allo zero in diverse aree del Paese e la persistente carenza di nuovi asset, i fondamentali economici del settore logistico italiano rimangono solide”, ha commentato Pierluigi Scialanga, Country Manager and Head of Transactions per l’Italia di Patrizia. “Siamo all’inizio di un nuovo ciclo di mercato caratterizzato da una prolungata volatilità su scala globale: in questo scenario, il nostro obiettivo principale è quello di investire in quei settori che dimostrano maggiore resilenza, in quanto ci consentono di creare valore a lungo termine per i clienti. Con oltre 1,5 miliardi di euro di asset in gestione, la nostra piattaforma italiana di asset alternativi è in continua espansione e offre opportunità significative ai nostri investitori in base alle loro diverse propensioni al rischio, sia nel settore immobiliare sia in quello delle infrastrutture”.

© Riproduzione riservata