Connettiti con noi

Business

L’italiana Aussafer cresce all’estero: acquisita la tedesca Hailtec

Terza acquisizione per la società friulana della famiglia Citossi guidata dal gruppo di investimento 21 Invest di Alessandro Benetton

Aussafer Alessandro Benetton Alessandro Benetton, presidente e fondatore di 21 Invest

Terza acquisizione per l’azienda friulana Aussafer. Dopo aver consolidato la propria posizione in Italia con l’acquisizione di Ramo (2021) e Laserjet (2022), il primo polo italiano della lavorazione dell’acciaio ad alta tecnologia ha annunciato oggi la prima acquisizione internazionale, investendo in Hailtec, azienda tedesca specializzata nelle lavorazioni metalliche ad altissima precisione, in particolare nella prototipazione di motori elettrici e nel settore medicale.

Fondata vicino a Stoccarda e guidata dal giovane imprenditore Alexander Renz, Hailtec apporterà un valore aggiunto significativo al gruppo grazie alla sua specializzazione in diverse nicchie di mercato, tra cui l’elettronica, l’e-mobility, la meccanica di microprecisione e il medicale, ad esempio sviluppando componenti di protesi in materiali speciali come il titanio. A seguito dell’acquisizione, Renz rimarrà socio dell’azienda e a capo della divisione tedesca del gruppo.

“L’unione di Hailtec al nostro gruppo è una tappa fondamentale per trasformare un campione nazionale in un gruppo leader europeo”, ha commentato Giacomo Citossi, amministratore delegato di Aussafer. “Sono felice di aver trovato una forte sintonia con un giovane imprenditore tedesco come Alex. Entrambi guardiamo al futuro con l’ambizione di diventare leader internazionale”.

Aussafer e il ruolo di 21 Invest

Questa operazione rappresenta una milestone fondamentale per il progetto guidato da 21 Invest, gruppo europeo fondato e guidato da Alessandro Benetton, che ha investito in Aussafer nel 2020. L’operazione permetterà all’azienda italiana di portare il fatturato complessivo oltre i 100 milioni di euro (con una quota crescente generata all’estero, pari oggi a circa il 30%) e un totale di quasi 500 dipendenti.

“Sono molto sodisfatto di questa nuova operazione di Aussafer”, ha dichiarato Alessandro Benetton. “La nostra missione è quella di creare un leader non solo italiano ma europeo della lavorazione dell’acciaio ad alta tecnologia, e l’acquisizione di un gioiello tedesco del settore va in questa direzione. Continueremo a impegnarci nel supportare la crescita di un gruppo che saprà distinguersi per competenze eccellenti, credibilità e capacità di imporsi sulla scena internazionale”.