Generazione Z e bambini: in Italia business oltre i 7 miliardi di euro

Giocattoli e abbigliamento pesano per l’80% della spesa. Cinema superato dai Parchi e dai libri/fumetti. I dati dal Kids Marketing Forum di Bva Doxa e Mld Entertainment

© PeopleImages/iStockPhoto

Quello che ruota intorno alla Generazione Z e ai bambini italiani è un mercato che vale oltre 7 miliardi di euro. A tanto ammonta la spesa per i bambini da 3 a 13 anni e dei giovani adulti da 14 a 19, cresciuta nel 2022 del 10% rispetto all’anno precedente, complice il ritorno alla normalità di quasi tutti i mercati, eccetto il cinema, dopo la pandemia.

A rivelarlo è Bva Doxa, società di ricerche di mercato che, insieme a Mld Entertainment, specialista nelle consulenze del mondo dell’entertainment e licensing in Italia, ha posto sotto osservazione otto maxi-comparti: abbigliamento 0/14 anni, cinema, libri, Tv, giocattoli, parchi, cartoleria ed edicola, calcolando l’impatto sui consumi Kids e GenZ. I dati sono stati presentati in occasione del Kids Marketing Forum di Milano.

Mercato Kids e Gen Z in Italia: dove si spende di più

La crescita è guidata da abbigliamento e giocattoli che con i rispettivi 4,5 miliardi e 1,5 miliardi di euro occupano l’80% del totale. Una crescita che deve tuttavia essere considerata comparto per comparto, visto che ogni settore ha segnato dinamiche differenti nella ripresa della normalità.

“In questo senso è da segnalare il forte recupero del fatturato dei parchi italiani, che secondo l’Associazione parchi permanenti italiani – Confindustria nel 2022 sono tornati ai valori pre-pandemia a quasi 400 milioni di euro”, ha spiegato Paolo Lucci di Mld Entertainment. “Un dato confortante cui corrisponde tuttavia il sorpasso di questo settore sul cinema, che pur con una vistosa crescita di incassi al botteghino dell’86% arriva a 272 milioni di euro, contro i 790 del 2019. Incassi che, per il 58%, provengono da film per famiglia, confermando una forte vocazione del settore ai kids”.

Tra le analisi di settore, da evidenziare i dati dell’Associazione italiana editori, relativi ai libri per ragazzi che, sommati ai dati dei fumetti, portano il comparto a 300 milioni di euro, che rappresenta il 22% di tutto il mercato editoriale italiano del 2022.

© Riproduzione riservata