Tonfo a Piazza Affari dopo la bocciatura Ocse

Mib a -1%, il peggiore d'Europa. Male le banche, resistono Finmeccanica e Moncler

La bocciatura dell’Ocse al pil italiano fa crollare gli indici a Piazza Affari: il Ftse Mib chiude a -1%, il peggiore d’Europa.

Scendono di conseguenza le banche, a eccezione di Bper (+0,08%) e Intesa Sanpaolo (+0,17%): Mps lascia il 4%.

Continuano invece a salire (+0,98%) le azioni Finmeccanica per la speculazione sulle cessioni di Ansaldo Breda e Ansaldo Sts (-0,68%). Sorride anche Moncler che schizza dell’1,5% grazie ai report positivi.

Tensioni brasiliane invece su Telecom (-0,8%) e americane su Fiat: -1,1%.Sul fronte dei cambi, l’euro è scambiato a 1,2944 dollari (1,2964 venerdì). Il petrolio sale dello 0,2% a 92,48 dollari al barile.

© Riproduzione riservata