Connettiti con noi

Business

Mario Draghi (Bce): “Tassi invariati o inferiori per un lungo periodo”

Decisione all’unanimità del board della Banca centrale europea per sostenere la ripresa economica. “Avanti con riforme strutturali e occupazione”

La Banca centrale europea conferma l’impegno a guidare la ripresa economica mantenendo i tassi di interesse attuali o addirittura inferiori per un periodo prolungato di tempo. La decisione, presa all’unanimità dal Consiglio della Bce, è stata annunciata nel pomeriggio di giovedì 4 luglio dal presidente della Bce Mario Draghi: “Siamo stati tutti concordi nel considerare che dei tassi deboli possono rappresentare seri rischi per la stabilità finanziaria – ha affermato – In questa fase però non c’è questo rischio”. Ma fino a quando la Bce potrà sostenere tassi di interesse così bassi? Periodo prolungato di tempo, ha precisato Draghi, non significa “sei o dodici mesi”, significa solo “un ragionevole periodo di tempo”.Secondo il presidente della Bce questa politica monetaria della Bce permetterà di sostenere “una ripresa dell’attività economica più avanti nel 2013 e nel 2014”. Nel corso del suo intervento il banchiere italiano ha invitato i Paesi dell’Eurozona ad andare avanti sul percorso delle “riforme strutturali” in modo da “stimolare la crescita e l’occupazione e affrontare i problemi della competitività e della capacità d’aggiustamento sui mercati del lavoro e dei servizi”.

Credits Images:

Mario Draghi