Connettiti con noi

Business

Risparmio: in Italia messi da parte in media 165 euro al mese

Sulla base di un’indagine di N26, gli abitanti del nostro Paese si piazzano molto più avanti dei francesi. Spagnoli e tedeschi più parsimoniosi

Attenti alle spese, ma non troppo. È questa la fotografia delle abitudini di risparmio degli italiani secondo un’indagine condotta da N26 su oltre 20 mila clienti nel nostro Paese di di 1,7 consumatori a livello globale. In base all’indagine della digital bank, nel 2021 i clienti italiani di N3+ hanno risparmiato una media di 164,58 euro al mese, pari al 16% del proprio reddito mensile. Si tratta di una percentuale che pone i consumatori della Penisola all’incirca a metà della classifica: risparmiano quasi il triplo del loro reddito rispetto ai francesi (6 %) ma sono relativamente lontani dalla Spagna (23 %) e dalla Germania (18 %).

Guardando ai confronti regionali, gli abitanti delle tre maggiori città italiane mettono da parte una percentuale minore del proprio reddito mensile rispetto alla media nazionale: I romani risparmiano il 14%, i milanesi il 13% e i napoletani l’11%. Questo è particolarmente interessante, si precisa nell’indagine, se si considera che i residenti a Roma e Milano hanno mezzi finanziari superiori alla media nazionale (+215 % a Milano, +145 % a Roma). L’italiano medio spende di più durante le vacanze (+17 % a dicembre). In particolare, i milanesi e i romani preferiscono concentrare le spese a luglio, mese in cui spendono il 17 % e il 26 % in più rispetto al resto dell’anno.

Gli uomini guadagnano di più, le donne risparmiano di più

I dati globali dei clienti di N26 mostrano anche differenze nelle attitudini al risparmio tra utenti uomini e donne. Nonostante la ricerca confermi che gli uomini abbiano in media un reddito mensile superiore del 30%, le donne sono le migliori risparmiatrici sia in termini assoluti che per quanto riguarda la percentuale di reddito che riescono a mettere da parte. Mentre gli uomini risparmiano solo il 16% del proprio reddito mensile, le donne raggiungono il 22%. In totale, la donna in media risparmia il 4% in più nonostante abbia entrate significativamente inferiori.

Il “gap di risparmio” è particolarmente visibile nei gruppi di età 18-34. Le donne nella fascia di età 18-19 anni risparmiano 52,16 € (50%) più degli uomini, pur avendo più o meno lo stesso reddito. Nella fascia 20-24 le donne mettono da parte 40,38 € (50%) più degli uomini, con 155,20 € (20%) di reddito mensile in meno. Infine, le donne tra i 30 e i 34 anni risultano aver risparmiato in media 75,96 € (32%) più dei loro omologhi maschi, con un reddito mensile inferiore di 368,42 € (26%).

Credits Images:

Photo created by kues1