Matteo Renzi a ‘Porta a Porta’ conferma: “Via Imu e Tasi”

Il presidente del Consiglio in vista della Legge di Stabilità: “Restituiremo le risorse sottratte con l’abolizione delle tasse sulla casa”. Sul Mezzogiorno al vaglio diverse ipotesi, così come per la riforma delle pensioni

Via Imu e Tasi, saranno abolite le tasse sulla prima casa, perché “è giusto”. Le risorse sottratte ai Comuni con l’abolizione delle due imposte saranno restituite dal governo. È quanto assicura Matteo Renzi dagli studi di Porta a Porta dove il premier affronta vari argomenti, dall’emergenza internazionale agli tema emigrati, dalle tasse sulla casa agli incentivi per il Sud. (qui la puntata integrale).

E proprio sugli incentivi al Sud – che saranno affrontati in occasione della legge di Stabilità (da 25-30 miliardi di euro) – sono al vaglio diverse ipotesi: da un credito d’imposta da 2 miliardi alla proroga di un anno degli sgravi fiscali per le assunzioni. Di Ires si parlerà nel 2017 e di Irpef nel 2018. Ma un punto fermo resta: via nel 2016 la tassa sulla prima casa per tutti. Non regge, afferma il premier, la richiesta da sinistra di progressività perché l’abolizione “non agevola i ricchi” in quanto “si continuerà a pagare per seconde, terze, quarte case”. Per quanto riguarda la riforma delle pensioni, spiega il premier, “dobbiamo trovare un meccanismo per cui chi vuole andare in pensione un po’ prima rinunciando a un po’ di soldi possa farlo, il problema è quanto prima e quanti soldi”.

© Riproduzione riservata