Dahlia tv, l’Antitrust contro il rafforzamento di Mediaset Premium

Catricalà concorda con Beretta: in una situazione di emergenza è possibile che sia la Lega Calcio a occuparsi della trasmissione delle partite

Il caso Dalhia si arricchisce di un nuovo punto di vista. Dopo le dichiarazioni firmate Romani – preoccupano le sorti dei 270 mila abbonati – arriva ora anche la posizione ufficiale dell’Antitrust. Interpellato a proposito del fallimento dell’emittente televisiva, che possiede i diritti per la trasmissione delle partite di 8 squadre di serie A (Cagliari, Catania, Cesena, Chievo, Lecce, Parma, Sampdoria e Udinese), Antonio Catricalà ha dichiarato: “La situazione ci preoccupa, vogliamo che i consumatori che hanno pagato un abbonamento annuale possano continuare a vedere le partite”. Aggiungendo però che è necessario che “non di rafforzano posizione già abbastanza forti”. Nei giorni scorsi si era ventilata la possibilità che i diritti in mano a Dalhia potessero essere ceduti a Mediaset Premium, che possiede già i diritti di trasmissione, sempre sul digitale terrestre, delle partite delle altre squadre si serie A.Catricalà ha poi confermato di avere incontrato “in questi giorni”” il presidente della Lega serie A Maurizio Beretta: “per illustrargli le preoccupazioni sul versante della tutela dei consumatori”. A chi gli chiedeva se fosse possibile che la Lega stessa provvedesse alla trasmissione delle partite, il presidente dell’Antitrust ha risposto affermativamente: “È possibile che questo servizio, in una situazione emergenziale, lo faccia la Lega a cui tornano questi diritti”.

© Riproduzione riservata