Benetton, in arrivo 150 milioni dalla capogruppo Edizione

Benetton, in arrivo 150 milioni dalla capogruppo EdizioneCorrado Piccoli

Sono giorni turbolenti in Benetton Group dopo l’allarme lanciato dal patron Luciano su un “buco” da 100 milioni di euro, che dovrebbe essere colmato con una nuova iniezione di capitale dalla holding Edizione. Il versamento è previsto per la prossima settimana, mentre oggi il Consiglio di amministrazione di Benetton si riunisce per approvare un esercizio 2023 in rosso per 230 milioni, con un ebit negativo di 110.

C’è poi la questione del management, che il fondatore ha accusato di cattiva gestione. In prima linea c’è Massimo Renon, amministratore delegato dall’aprile 2020, che probabilmente verrà sostituito. Renon ha preannunciato “una risposta strutturata” per vie legali di fronte alle pesanti critiche mosse da Luciano Benetton. Ad ogni modo, per il prossimo 18 giugno dovrebbe esserci il nome del nuovo manager.

Il peso di Benetton nella holding Edizione

Il segmento della moda pesa solamente per il 2% nell’ambito degli affari dell’intero universo di Edizione ma il marchio Benetton, nel mondo dell’abbigliamento, ha sempre rappresentato un’eccellenza italiana nel mondo, un simbolo di stile riconosciuto. In breve, un’icona. Ecco perché la storica famiglia di Ponzano Veneto ha tutta l’intenzione di provare a rilanciare la propria azienda.

Uno dei problemi che negli ultimi anni ha riguardato tutto il settore è stato questo: ci si è concentrati più sulle delocalizzazioni per accrescere i margini, perdendo di vista l’importanza del rilancio creativo, dell’ottimizzazione della distribuzione e delle evoluzioni tecnologiche in corso. Ora bisogna ricominciare a correre.

© Riproduzione riservata