Oltre 20mila le aziende che vendono online in Italia

Image by justynafaliszek from Pixabay

Alla fine di dicembre dello scorso anno, le imprese del commercio operanti nella vendita al dettaglio su internet hanno superato la boa delle 20 mila unità, triplicando il numero di quelle esistenti alla fine del 2009. Il ritratto del fenomeno emerge dai dati elaborati da InfoCamere e Unioncamere – sulla base del Registro delle imprese delle Camere di commercio – e certifica come il boom delle imprese di vendita via internet (circa 14 mila imprese in più in dieci anni) sia a stento riuscito a compensare la contrazione di operatori che, nello stesso periodo, ha caratterizzato l’intero settore del commercio al dettaglio (diminuito di oltre 16 mila unità).

Confrontando il segmento delle vendite Web con l’intero mondo del commercio, tra il 2009 e il 2018 le imprese della vendita al dettaglio attraverso internet sono infatti aumentate di 8.994 unità, pari a una crescita media del 24% all’anno. Nello stesso periodo, l’insieme del settore del commercio al dettaglio ha “perso” circa 16.400 imprese, pari a una riduzione del 2% nel decennio (passando da 866 mila a 850 mila unità). Le tre regioni che contano il più alto numero di imprese ecommerce sono Lombardia (3.727), Campania (2.547), e Lazio (2.316). Se in termini assoluti le regioni a più alta crescita in dieci anni sono state quelle appena citate (rispettivamente Lombardia a +2.634, Campania a +2.018 e Lazio a +1.555 unità), in termini percentuali quelle che sono cresciute a ritmo più sostenuto sono state Campania, Abruzzo e Calabria (tutte oltre la media del 35% all’anno), seguite da Puglia, Basilicata e Sicilia con aumenti medi superiori al 25% in ciascuno dei dieci anni considerati.