Brasile 2014, la moda nel pallone (per beneficenza)

Brazuca trasformato in un’opera d’arte e messo all’asta per i bambini delle favelas. All’iniziativa partecipano 30 firme, da David Koma a Dolce & Gabbana, da Salvatore Ferragamo a Missioni

Un’asta mondiale per migliorare le condizioni di vita dei bambini delle favelas brasiliane. È l’obiettivo del concept store fiorentino Luisa Via Roma che, attraverso la collaborazione di Adidas e di trenta celebri firme, sfrutterà l’attenzione nei confronti dei Mondiali di calcio in Brasile per un’iniziativa di beneficenza a favore dei più piccoli.L’iniziativa, al via nei prossimi giorni, porta il nome di Make Kids Happy e sarà proposta su eBay, il celebre sito di aste online; nel corso dei prossimi giorni saranno proposti, uno a settimana, 30 palloni Brazuca – il pallone ufficiale dei mondiali – personalizzare da stilisti come David Koma, Dolce & Gabbana, Salvatore Ferragamo e Missioni. L’asta durerà per tutta la durata dei Mondiali e l’intero ricavato sarà devoluto alla Fondazione brasiliana Gol de Letra Foundation (scopri di più in fondo all’articolo).

Istituita dai famosi calciatori brasiliani Raí e Leonardo, la Gol de Letra Foundation è riconosciuta dall’Unesco come un modello mondiale nell’assistenza ai bambini e agli adolescenti che crescono in ambienti a rischio. Con sede in Brasile, l’organizzazione no profit lavora nelle periferie di San Paolo e Rio de Janeiro. Attualmente la Fondazione assiste 1300 bambini e adolescenti, incentrandosi su nuove forme di insegnamento che abbracciano conoscenza, cultura e cittadinanza per contribuire al loro sviluppo educativo incoraggiando autonomia e motivandoli al cambiamento dall’interno della comunità. www.goldeletra.org.br

© Riproduzione riservata