Sicurezza a Roma Termini: più agenti e barriere ai binari

Misure anti-facchini abusivi, video e cartelloni in otto lingue per i turisti con avvertimenti sui pericoli che possono incontrare allo scalo ferroviario. Il progetto sarà attuato entro i primi di agosto

Cartelloni segnaletici e video per allertare i turisti dei pericoli dentro la Stazione Termini di Roma, più carabinieri e polizia e barriere di accesso ai binari. Sono le misure di sicurezza del progetto delle Ferrovie dello Stato, presentato ieri a Roma, nella sede della Polfer, in occasione del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza.L’iniziativa ha l’obiettivo di mettere in sicurezza l’area dello scalo ferroviario della Capitale, per tutelare i viaggiatori e per risolvere in modo ottimale le relative problematiche di ordine pubblico. Il progetto sarà attivato dalla prima settimana di agosto con il collocamento, all’interno della stazione, di cartelloni in otto lingue e video per avvisare i viaggiatori dei pericoli che possono correre dentro la struttura.Inoltre saranno reinstallate delle barriere di accesso ai binari, come è già stato fatto nella stazione fiorentina di Santa Maria Novella. «Abbiamo deciso che dovranno essere rimesse le barriere che c’erano alla fine degli anni Settanta-primi anni Ottanta. In questo modo solo chi ha il biglietto può accedere ai treni», spiega Ignazio Marino, sindaco della Capitale. Il provvedimento è stato ideato per proteggere i viaggiatori dai facchini abusivi, e incentivare invece la legalità con la nascita di cooperative per il trasporto dei bagagli. Sull’argomento delle barriere si è pronunciato anche il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, dicendo che «questi aspetti dovranno essere risolti in tempi brevi, coinvolgendo anche la sovrintendenza, dal momento che l’obiettivo è dividere la parte commerciale dello scalo da quella del servizio pubblico».Infine, per ottimizzare la lotta alla criminalità a Roma Termini, è stato deciso sia di affidare a FS, in comodato d’uso, la gestione dei sistemi di videosorveglianza, sia di rafforzare la presenza delle forze dell’ordine. Infatti, ci saranno più poliziotti e carabinieri dentro e fuori lo scalo.

© Riproduzione riservata