Sessant’anni dalla conquista dell’Everest, il monte dei record

Era il 29 maggio 1953 quando Edmund Hillary e Tenzing Norgay scalarono per la prima volta la vetta più alta del mondo. Divisa tra la Cina e il Nepal, conta tutt’ora numeri e primati impressionanti

Situato nella catena dell’Himalaya al confine tra la Cina e il Nepal, nato nella notte dei tempi ma inesplorato fino a 60 anni fa. Non poteva quindi che diventare una data storica quella della prima certa scalata del monte Everest, compiuta risalendo il versante sud dal neozelandese Edmund Hillary e dallo sherpa Tenzing Norgay proprio il 29 maggio del 1953, a trentadue anni di distanza dai primi tentativi di raggiungere la vetta.Un monte che nella sua stessa conformazione racchiude già il primato più importante – ha un’altezza di 8.848 metri sopra il livello del mare (è quindi il più alto della Terra) – e che nella sua storia è stato protagonista di imprese da record: Tom Hornbein e Willi Unsoeld sono stati i primi a compiere la traversata dell’Everest salendo dalla cresta ovest, ancora inviolata, e scendendo per la cresta sud-est (nel 1963); Reinhold Messner e Peter Habeler compirono la prima salita senza l’ausilio di ossigeno supplementare (era il 1978) e Messner fu poi il primo a farlo da solo (nel 1980). Simone Moro ha compiuto la prima solitaria della traversata sud-nord salendo la cima dal Nepal e scendendo poi in Tibet (era il 2006) mentre l’alpinista e portatore sherpa nepalese Apa Sherpa detiene il record di salite con ventuno scalate (a maggio 2011). Record anche per Pemba Dorjie Sherpa, il più veloce a salire impiegandoci 8 ore e 10 minuti con utilizzo di ossigeno (21 maggio 2004).Ma anche l’età degli eroi è scolpita nella memoria come una pietra: l’alpinista più giovane ad aver raggiunto la vetta dell’Everest è Jordan Romero, all’età di 13 anni, mentre Ming Kipa – la più piccola tra le donne a essere salita fino in alto – aveva solo due anni in più. Il più anziano ad arrivare in vetta è invece stato il nepalese Min Bahadur Sherchan all’età di 76 anni.Solo recentemente, dopo vari tentativi falliti, anche la fiaccola olimpica è arrivata sull’Everest: era il fuoco di Pechino 2008 portato lassù da una spedizione di alpinisti cinesi l’8 maggio 2008. Ma imprese che rimarranno nella storia sono anche quelle delle oltre 200 persone decedute nel tentativo di scalare l’Everest: questa montagna, si sa, ha anche regole spietate tante volte documentate da film famosi in tutto il mondo.

© Riproduzione riservata