Maratona di New York, 42 km nella città che non dorme mai

Come e quando iscriversi per partecipare alla maratona più desiderata dagli italiani

La New York City Marathon è la più ambita e partecipata del pianeta. Attraversare in corsa i cinque distretti della città partendo da Staten Island è un’emozione unica, e portare a termine questa gara offre una soddisfazione che va ben oltre il risultato sportivo. Da qualche anno gli italiani sono – dopo i padroni di casa – la presenza più corposa: l’anno scorso sono stati in 3.971 su un totale di 47 mila partecipanti provenienti da 23 Paesi. L’accesso alla competizione non è semplice. Per il 2012 (al via il 4 di novembre) il pettorale ha subito un rincaro del 25% circa, in totale 347 dollari. Per acquistare il semplice diritto alla gara – organizzando da soli il viaggio – è necessario partecipare alla lotteria indetta dal Road Runner Club di New York. L’iscrizione alla NYC Marathon lottery tramite Web apre nei mesi invernali e chiude ad aprile, farlo costa poco più di 15 euro. Utilizzando questa strada, mediamente una volta ogni quattro anni si vince ed è possibile acquistare il pettorale. In alternativa, il metodo più comodo che consigliamo ai principianti e a chi non è mai stato negli States è accedere alla NYC Marathon tramite un operatore turistico specializzato. In Italia sono parecchi (per esempio, Terramia, Born2Run, Ovunque Running) i pettorali sono disponibili di solito fino ad agosto/settembre assieme a pacchetti di viaggio personalizzabili che includono un minimo di tre/quattro notti, il costo dell’organizzazione e quello previsto dal Road Runner Club (senza volo, approssimativamente l’esborso totale minimo è 1.300 euro). L’operatore vi segue e vi supporta da quando atterrate nella Grande Mela fino all’arrivo sotto lo striscione in Central Park. Infine, il running e le grandi maratone negli States sono anche e soprattutto uno strumento di beneficenza; è possibile acquistare un pettorale tramite una onlus o altro istituto di beneficenza (la lista è disponibile sul sito della gara, www.nycmarathon.org). In questo caso ci si impegna a raccogliere e versare un determinato importo agli organizzatori e a correre per una nobile causa, un atteggiamento culturale e sociale a cui noi siamo ancora poco abituati.

© Riproduzione riservata