Connettiti con noi

Attualità

A Napoli la prima Accademia Apple per sviluppatori di applicazioni

La Mela e l’università Federico II insieme per l’edizione europea del corso

È la prima in Europa: in collaborazione con l’università Federico II, alle porte di Napoli aprirà la nuova iOS Developer Academy, che avrà lo scopo di addestrare gli iscritti al disegno e allo sviluppo di applicazioni per i sistemi operativi targati Apple.

PRIMA IN EUROPA. L’italiano Luca Maestri, Senior Vice president e Chief Financial Officer di Apple, ha espresso l’entusiasmo proprio e della Mela nei confronti dell’iniziativa: «Siamo veramente felici di lavorare con l’Università̀ di Napoli Federico II. Alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo arrivano dall’Europa, e siamo certi che questo centro aiuterà la prossima generazione ad acquisire le competenze necessarie per avere successo». Ugualmente soddisfatto è il Rettore della Federico II Gaetano Manfredi, che non ha mancato di sottolineare l’importanza, per il mondo universitario, di avvicinarsi alle esigenze di formazione poste dalle nuove tecnologie, come sviluppo e complemento dell’offerta tradizionale: «Siamo lieti che Apple ci abbia scelto come partner per creare la iOS Developer Academy e non vediamo l’ora di lavorare con l’azienda nella selezione di studenti e docenti per questo corso eccezionale».

IL CORSO. Il prossimo ottobre, il nuovo campus di San Giovanni a Teoduccio, quartiere della periferia orientale di Napoli, ospiterà i primi 200 studenti che parteciperanno al nuovo corso di nove mesi. La struttura, con il sostegno di Apple, è stata attrezzata con laboratori ovviamente forniti dei nuovi hardware e software della Mela; con questi strumenti, gli iscritti potranno nella prima fase del programma di studio migliorare le proprie competenze nello sviluppo di software adatti a iOS e, nella fase successiva, verranno addestrati per dare vita a start up e progetti per creare programmi adatti a comparire sull’App Store. Il corso è gratuito e aperto a studenti italiani ed europei, non necessariamente iscritti alla facoltà di information technology; i candidati dovranno sottoporsi ad un test online che, se superato, darà accesso ad un successivo colloquio. Sono previste delle borse di studio per la copertura delle spese primarie. Le informazioni relative all’iscrizione sono presenti sul sito dell’università di Napoli www.unina.it. Numerose opportunità sono previste anche per sviluppatori, designer e insegnanti di programmazione: la Federico II, infatti, è alla ricerca di personale docente per la Academy.