Connettiti con noi

Lifestyle

Vestire di nero ispira fiducia

L’abbigliamento total black fa sembrare più attraenti, intelligenti e sicuri di sé. Come insegnano i guru dell’outfit “oscuro”

Steve Jobs ne aveva fatto uno stile di vita. Karl Lagerfeld l’ha elevato a icona del fashion. Ma ora è una ricerca a rivelare il segreto (nemmeno troppo nascosto) del total black: vestirsi di nero, infatti, rende più attraenti, fa sembrare più intelligenti e ci rende più sicuri di noi stessi. Il sondaggio, condotto dal retailer Uk buytshirtonline.co.uk e riportato sul The Independent, ha mostrato a oltre mille intervistati delle foto di persone di persone del sesso opposto con maglie di colore diverso. Le foto in nero hanno ricevuto molti consenrsi rispetto a qualsiasi qualità venisse associata alle immagini: il 66% delle donne ha detto che questo è il colore più attraente addosso a un uomo, mentre lo stesso vale solo per il 46% dei maschi. La tonalità scura ispira fiducia nel 57% delle persone, il rosso – secondo in classifica – solo nel 42% dei casi (mentre per il 28% è un segnale di arroganza). E l’intelligenza? Bassissimi riscontri per giallo, arancione e – ultimo – rosa, svetta come al solito il nero (45%) davanti al blu (35%) e, a sorpresa al terzo posto, il bianco (28%).

COSA GUARDANO LE PERSONE AL PRIMO INCONTRO“Posso fidarmi di questa persona?” e “Posso rispettarla?”: sono questi i due interrogativi con i quali ciascuno di noi analizza uno sconosciuto al primo incontro. Lo dice Amy Cuddy, professoressa all’Harvard Business School che da 15 anni studia le “prime impressioni“. Nel suo libro Presence, Cuddy sottolinea come in ambiti professionali tutti provino a dimostrare la loro competenza, ma la prima necessità è quella di mettere in evidenza la propria umanità per colpire al cuore un interlocutore: «Da una prospettiva evolutiva», ha dichiarato la professoressa, «l’aspetto più cruciale per la sopravvivenza è capire se una persona merita la nostra fiducia». O se, insomma, ci accoltellerà alle spalle come nell’Età della pietra. L’errore più grande per uno stagista, dunque? Evitare gli eventi sociali, non chiedere mai aiuto e sembrare inavvicinabile.