Connettiti con noi

Lifestyle

La Tokyo inesistente di Murakami

Chi pensa di recarsi a Tokyo con la speranza di trovare i luogi descritti dai successi letterari firmati da Haruki Murakami, resterà deluso. La periferia in cui abita Okada Toru, de L’uccello che girava le viti del mondo, potrebbe essere una qualsiasi periferia di una qualsiasi città giapponese. L’università citata in Norwegian Wood, potrebbe essere tanto la Tokyo University quanto la Waseda. Il caffè della ragazza che legge il suo immenso libro mentre il mondo le scorre attorno in After Dark, potrebbe trovarsi a Shibuya, Ginza, o ad Aoyama. Murakami racconta Tokyo (nei minimi dettagli e con estrema leggerezza) senza lasciare nessun indizio reale. Certo, ci si può recare alla stazione di Shinjuku. Ammesso che quella che descrive sia un terminal reale e non un varco verso altre dimensioni che corrono parallele alla metropolitana e si perdono verso la fine del mondo.

APPUNTI DI VIAGGIO

Un colosso tecnologico che si inchina al vostro cospetto. Nonostante l’area urbana di Tokyo sia diventata una megalopoli da 20 milioni di abitanti, con grattacieli e grandiosi pannelli pubblicitari che già 30 anni fa ispirarono il capolavoro di Ridley Scott Blade runner, la Capitale dell’Est continua a espandersi rimanendo incredibilmente a misura d’uomo. Una società perfettamente organizzata si snoda attraverso i suoi vari livelli, da cui zampillano i colori sgargianti delle mode giovanili.

Dormire

• Hotel Seiyo Ginza, 1-11-2 Ginza, Chuo-ku, Tokyo Tel. 0081-3-35351111 www.seiyo-ginza.comDoppia a partire da 427 euro. Situato nel vivace distretto di Ginza nel cuore della città, questo lussuoso hotel offre camere arredate secondo lo stile classico occidentale e il servizio maggiordomo.

• Hotel New Otani, 4-1 Kioi-cho,Chiyoda-ku, Tokyo – Tel. 0081-3-32651111 www.newotani.co.jpDoppia a partire da 330 euro. È un albergo gigantesco ed è celebre per l’incantevole giardino attorno al quale è stato costruito. All’interno ristoranti, boutique e anche un museo d’arte

Mangiare

• Daiwa Sushi, 5-2-1 Tsukiji,Chuo-ku, Tokyo Tel. 0081-335476807 www.tsukijigourmet.or.jpFamoso per la qualità dell’ottimo sushi, è sempre pieno di gente. Ma vale la pena mettersi in coda per assaggiare i menù serviti da personale particolarmente gentile.

• Ten-Ichi, 6-6-5 Ginza, Chuo-ku, Tokyo – Tel. 0081-335711949 www.tenichi.co.jpÈ uno dei ristoranti migliori di Tokyo in cui andare per gustare piatti leggeri e croccanti. È gradita la prenotazione.

Da non perdere

• il mercato ittico all’ingrosso di Tsukiji, il mercato di pesce più grande al mondo, animatissimo e dove si può anche mangiare l’ottima materia prima appena uscita dalla reti dei pescatori• l’isola di Odaiba, collegata a Tokyo dal Rainbow Bridge, dalla quale si può ammirare lo skyline della città• un giro nel quartiere più trendy di Shibuya, popolato da giovani in look stravagante dove si può assistere a jam session improvvisate• prendere l’aperitivo al New York Bar, al 52esimo piano del Park Hyatt, dove è stato girato il film Lost in Translation