Fizzy, la prima assicurazione basata su blockchain

Axa rivoluziona l’esperienza cliente nel mercato italiano con la polizza viaggio acquistabile sul web e da mobile che indennizza in automatico in caso di ritardo del volo

La tecnologia dei blocchi, resa famosa dalle criptovalute come i Bitcoin, è l’asset di nuovi prodotti e servizi in diversi ambiti. Tra i primi a cogliere le potenzialità offerte dalla blockchain è il gruppo assicurativo Axa con il lancio di una nuova polizza viaggio intelligente che assicura l’inviolabilità dei dati e consente di calcolare l’entità del rimborso in anticipo in tutta sicurezza e trasparenza.

Fizzy, questo il nome del servizio, è un’assicurazione parametrica, dal momento che il costo della polizza si basa su un parametro, e nello specifico dati storici dei voli aerei degli ultimi sette anni, attraverso l’utilizzo di algoritmi che agiscono tenendo conto di variabili quali il giorno del volo, l’orario o l’aeroporto di partenza.

Il suo elemento distintivo è che indennizza in automatico in caso di ritardo del volo aereo: se il volo ha più di due ore in ritardo, il cliente viene indennizzato in maniera immediata e automatica. Nessun modulo da compilare e nessuna trafila burocratica o tempi di attesa stressanti. L’utente viene rimborsato non appena l’aereo atterra. La portata rivoluzionaria è anche nella totale assenza di esclusioni assicurative: l’indennizzo non dipende dalla motivazione del ritardo, sia che si tratti di condizioni metereologiche, di guasti agli aeromobili o problematiche aeroportuali.

L’utente potrà acquistare la polizza tramite il sito seguendo le istruzioni, in qualsiasi momento entro il limite di 15 giorni prima della partenza del volo. Da quel momento la polizza viene registrata su un circuito immutabile basato sul sistema blockchain Ethereum, che crea un “contratto intelligente” e che dopo aver memorizzato i dati gestisce autonomamente i pagamenti, garantendo sicurezza, trasparenza e immediatezza, in quanto l’indennizzo dei costi del volo viene effettuato automaticamente non appena il sistema registra il ritardo.

© Riproduzione riservata