È la Rai la prima tv pubblica europea ad attuare l’indirizzo del Consiglio d’Europa riguardo la Convenzione sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica , recepita in Italia con la legge 77 del 27 giugno 2013. Lo ha confermato ieri la presidente Anna Maria Tarantola durante l’audizione in Vigilanza. Il documento invita i media al rispetto della libertà di espressione, a promuovere la partecipazione e ad attuare politiche interne che prevengano la violenza contro le donne e rafforzino il rispetto delle loro dignità. La policy aziendale si concretizza in un maggiore accesso ai processi decisionali da parte delle donne, in un’offerta editoriale complessiva che ne garantisca il rispetto (insieme a quello delle minoranze e della dignità umana) e in una maggiore presenza nei programmi di informazione e intrattenimento. La figura femminile deve essere rappresentata in maniera dignitosa, reale, non stereotipata né discriminatoria.