Meeting 2021: si torna in presenza

Bernhard Scholz, Presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli

Verrà trasmessa in diretta su più canali digitali e in più lingue, ma si terrà di nuovo in presenza la 42esima edizione del Meeting di Rimini. Titolo della manifestazione, in programma dal 20 al 25 agosto, “Il coraggio di dire «io»”, citazione tratta da un testo del filosofo danese Kierkegaard. Il proposito è quello di configurarsi come un momento di riflessione e di ripartenza globale nello scenario della faticosa uscita dalla pandemia.

«Avere “il coraggio di dire io” significa un’assunzione di responsabilità, un impegno creativo e una cura del dialogo anche in momenti difficili e drammatici», ha dichiarato Bernhard ScholzPresidente della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli, nel corso della presentazione ufficiale del programma. «Questo coraggio che rimane fedele al proprio desiderio di bene per sé e per tutti è il vero antidoto all’individualismo e al collettivismo» ha proseguito. «Si tratta di riscoprire il legame originale fra l’“io” e il “noi”. Spero che il Meeting possa contribuire a una ripresa che mette al centro il futuro delle giovani generazioni. Discuteremo da più angolazioni sul Recovery Fund, che non a caso si chiama più propriamente Next Generation EU, e soprattutto proporremo vari incontri incentrati sull’educazione, la formazione e il mondo del lavoro».
A inaugurare la sei giorni ricca di tavole rotonde, confronti e iniziative culturali sarà il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Come partecipare in presenza

Sul sito www.meetingrimin.org è già stato pubblicato il programma degli incontri, delle mostre e degli spettacoli della 42ma edizione. A partire da domani, giovedì 15 luglio, si potranno inoltre scaricare da Play Store e Apple Store le versioni Android e iOS dell’app del Meeting, completamente rinnovata. Un’applicazione che sarà fondamentale per partecipare all’evento, perché permetterà di entrare fisicamente in Fiera dal 20 al 25 agosto, prenotare la partecipazione ai convegni e la visita alle mostre, leggere le news e accedere a contenuti aggiuntivi.

Sempre nell’app andranno inseriti i dati del Green Pass, o equivalenti, così da garantire il rispetto delle normative per la protezione dal Covid-19. «Abbiamo elaborato un sistema di gestione semplice e insieme molto preciso e accurato», spiega il direttore del Meeting, Emmanuele Forlani, «per consentire una partecipazione in presenza, spontanea e numerosa, come nella migliore delle tradizioni del Meeting, ma che nello stesso tempo garantirà un elevato standard di sicurezza. Credo che questo modello potrà offrire spunti anche per altre future manifestazioni»