Formazione aziendale, la priorità è la trasformazione digitale

Foto di Mohamed Hassan da Pixabay

Nell’ambito della formazione corporate, la trasformazione digitale si conferma la tematica più rilevante, indicata come tale dal 47% di grandi aziende e pmi. Seguono in ordine di priorità il project management (27%), lo smart working (26%) e la diversity&inclusion (25%). Relativamente alla previsione sul budget da investire in formazione nel prossimo triennio, per il 39% di imprese si assisterà a una crescita, a fronte di un 33% che prevede una sostanziale parità, a conferma dell’importanza delle attività di upskilling e reskilling. I dati sono stati raccolti ed elaborati da Polimi Graduate School of Management, la business school del Politecnico di Milano, nell’ambito del rapporto Corporate Education Community, realizzata su un campione di imprese composto per il 61% di grandi aziende e per il 39% di pmi, rappresentanti una comunità eterogenea di imprese provenienti da diversi settori e operanti in tutta Italia.

Il quadro che emerge dai risultati della ricerca è una diffusa consapevolezza di come il percorso di sviluppo di un individuo in azienda possa contribuire alla crescita organica dell’impresa stessa e, in una visione più ampia, anche della società in cui opera. Il report sottolinea, attraverso le opinioni delle aziende coinvolte, il ruolo della formazione come soggetto e oggetto della trasformazione aziendale. Ne è ad esempio dimostrazione l’impegno economico relativo al 2021: il budget medio impiegato nelle attività formative è di circa 900 mila euro, ma il valore medio passa a circa 1,4 milioni di euro per le grandi aziende. In media, il personale delle imprese rispondenti è stato coinvolto in 32 ore di formazione, registrando una crescita sugli anni precedenti, sia rispetto al periodo maggiormente colpito dal Covid-19 (il 2020) che rispetto a quello precedente (2019).

Così come nel 2020, anche nel 2021 la modalità formativa più diffusa è l’online/digital learning, molto utilizzata in due terzi dei casi (62%). Nonostante l’emergenza Covid-19 abbia dato una forte spinta all’uso di strumenti digitali e abbia diminuito le resistenze talvolta presenti, le imprese sottolineano l’importanza di calibrare il mix di formazione online e in presenza, sebbene la formazione in presenza sia molto utilizzata solo nel 15% delle organizzazioni rispondenti nel corso del 2021. Un’ulteriore modalità formativa, che mostra ampie prospettive di crescita, è il microlearning, abbastanza o molto utilizzato in circa la metà (47%) delle imprese rispondenti. Secondo le aziende, le piene potenzialità di questo format si esprimono soprattutto dove la dimensione micro è inserita in un percorso formativo chiaramente delineato e coerente, al fine di evitare un’eccessiva frammentazione dei contenuti.

Le soluzioni tecnologiche maggiormente utilizzate (71%) sono quei tools originariamente pensati per fini non formativi, quali i software di teleconferenza e comunicazione online. Per interpretare questo dato occorre tenere in considerazione il fatto che l’anno di riferimento – il 2021 – ha confermato un ancora diffuso ricorso a strumenti di emergenza. Sarà quindi importante monitorare l’utilizzo di questi strumenti al fine di comprendere se e quanto, con il retrocedere dell’emergenza, gli strumenti di teleconferenza lasceranno il posto ad una formazione in presenza oppure ad un uso più strutturato di piattaforme digitali.

In un orizzonte prospettico che include i prossimi tre anni, si conferma alta la diffusione di software di teleconferenza e comunicazione online nell’ambito formativo. Questo rappresenta un punto di attenzione, che per garantire elevata efficacia nell’erogazione di formazione a distanza dovrebbe essere adeguatamente integrato con strumenti di supporto come i Learning Management Systems (LMS). Aumenta lievemente la diffusione prospettica di strumenti già ampiamente diffusi come le piattaforme di e-learning, ed aumenta, anche se in misura ancora piuttosto ridotta, il ricorso a tecnologie più avanzate quali la realtà aumentata, virtuale o mista e l’intelligenza artificiale. Sebbene queste tecnologie siano emerse in modo rilevante nella discussione sulle prospettive future della formazione, non si osserva nei dati un aumento rilevante nell’impiego di queste tecnologie nei prossimi tre anni. 

Tra i benefici percepiti dall’uso di tecnologie a supporto della formazione corporate, la flessibilità che queste soluzioni garantiscono nella fruizione della formazione è di gran lunga il fattore più rilevante, come sottolineato dall’84% delle imprese. Due ulteriori elementi positivi sono rappresentati dalla possibilità di innovazione dell’esperienza di apprendimento e dalla possibilità di contenimento dei costi, entrambi selezionati da circa metà del campione di riferimento. Ultimo elemento da sottolineare è il fatto che il 75% delle imprese intervistate dichiara di far leva, per la diffusione di soluzioni tecnologiche, sulla semplicità d’uso degli strumenti digitali, evidenziando l’importanza di interfacce e soluzioni user friendly. Il secondo elemento di leva, selezionato dalla metà delle imprese rispetto al primo fattore, è la presenza di personale interno che si occupi dello sviluppo dei percorsi e dei contenuti. Tra le criticità riscontrate nell’adozione di soluzione tecnologiche a supporto della formazione corporate, il tema dell’onerosità dell’investimento economico rimane la motivazione primaria, selezionata dal 40% delle imprese rispondenti.

Infine, un ultimo capitolo della ricerca si pone l’obiettivo di esplorare la dimensione umanistica della formazione corporate con uno specifico focus sul concetto di purpose,  definito come scopo e ragion d’essere di un’organizzazione. I risultati mostrano un forte legame tra il purpose  organizzativo e la formazione corporate, evidenziato sia dalla decisa correlazione tra la presenza di un purpose  chiaro e numero di ore di formazione pro capite, e ancora di più dalla correlazione tra la presenza di un purpose  e l’intensità della formazione dei livelli executive e senior. Le organizzazioni che più si basano su un purpose  condiviso e formalizzato mostrano anche più elevati livelli di innovazione digitale. Questi risultati sottolineano la rilevanza dell’interazione tra le diverse componenti della formazione, e soprattutto tra le humanities e le tecnologie. Le organizzazioni più innovative sono infatti quelle che hanno una visione olistica della formazione, che coinvolge in modo consistente anche i livelli di seniority più avanzati, che è in grado di stabilire un purpose  chiaro ed una cultura di confronto ed apertura, e che riesce a introdurre innovazione, soprattutto digitale.