Bernard Arnault

La presa di posizione della direzione di Hermès alla fine è arrivata. Bertrand Puech, discendente del fondatore di Hermès e presidente del gruppo francese in un intervista a Le Figaro ha esplicitato tutta la contrarietà del gruppo da lui preseduto all’azione intrapresa dall’ad di LVMH: “Se vuole fare un gesto da amico, Monsieur Arnault, faccia un passo indietro”. Dello stesso avviso anche Patrick Thomas, numero uno di Hermès: “Questo ingresso non ha niente di amichevole. Non è stato né desiderato né sollecitato”.
Insomma la direzione Hermès smonta in toto la tesi sostenuta da Arnault, secondo la quale il suo ingresso nel gruppo aveva il solo obiettivo di “contribuire a preservare le caratteristiche di gruppo familiare e francese che sono alla base del successo mondiale di Hermès”.
Si preannuncia adesso una vera e propria battaglia finanziaria. Bertrand Puech e Patrick Thomas hanno aggiunto di avere molti punti interrogativi a proposito dei mezzi usati da Arnault per acquisire il 17% di Hermès, e hanno dichiarato di avere fiducia nell'Authority dei mercati finanziari, chiamata a pronunciarsi sull’operazione.