Connettiti con noi

Sostenibilità & Innovazione

AI, ma non solo: le 10 innovazioni che ci cambieranno la vita

Nulla al momento ha una capacità così disruptive come l’intelligenza artificiale che, dopo l’arrivo di ChatGpt, ha preso un’accelerazione senza precedenti ed è pronta a stravolgere ogni aspetto della nostra esistenza

architecture-alternativo Credits: Shutterstock

Molte società di consulenza, insieme a diverse organizzazioni e università, stilano puntualmente classifiche delle innovazioni che maggiormente impatteranno sulle dinamiche di business e sul nostro stile di vita negli anni a venire.

Un esercizio di analisi utile a riflettere sui cambiamenti tecnologici ma anche sulla rapidità con la quale queste accelerazioni stanno plasmando il nostro mondo. L’elenco potrebbe essere più lungo ma limitandoci a 10 realtà facciamo insieme ai ricercatori un esercizio di sintesi che vede tuttavia un’indiscussa protagonista: l’intelligenza artificiale.

Nulla al momento ha una capacità così disruptive come l’AI che, dopo l’arrivo di ChatGpt sul finire del 2022, ha preso un’accelerazione senza precedenti e sarà pronta a stravolgere ogni aspetto della nostra esistenza tanto da aver allarmato non pochi esperti. Tocca però sempre a noi governare i cambiamenti rendendoli funzionali alla prosperità, all’uguaglianza, alla crescita sostenibile, esercizio non demandabile solo alle Big Tech, ma che ci chiama in causa personalmente. Il futuro è e deve essere di tutti.

Le 10 innovazioni che cambieranno la nostra vita (nel 2024, ma non solo)*

1 – Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale (AI) rappresenta una delle più rivoluzionarie tecnologie del nostro tempo, promettendo di trasformare radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e interagiamo. Al centro di questa trasformazione c’è l’emergere di sistemi come ChatGpt, che hanno dimostrato le vastissime potenzialità di questa innovazione nel comprendere e rispondere al linguaggio umano in modo sempre più sofisticato e naturale.

Uno degli aspetti più evidenti dell’impatto dell’AI è la sua capacità di ottimizzare e automatizzare i processi, riducendo tempi e costi operativi in numerosi settori. Dal manifatturiero all’assistenza sanitaria, l’AI sta facilitando l’analisi dei dati e la presa di decisioni, migliorando l’efficienza e l’efficacia delle operazioni.

In particolare, tecnologie come il machine learning stanno permettendo alle macchine di apprendere e adattarsi in modo dinamico, aprendo nuove frontiere nell’automazione industriale e nella personalizzazione dei servizi. L’arrivo di ChatGpt nel novembre 2022, ha segnato un punto di svolta nell’evoluzione dell’AI, mostrando come le interfacce basate su linguaggio naturale possano essere integrate in una vasta gamma di applicazioni, dalla generazione di contenuti, alla customer service, fino all’educazione e alla formazione.

Questo non solo migliora l’accessibilità e l’usabilità delle tecnologie AI, ma crea anche nuove opportunità per l’interazione umano-macchina più intuitiva e naturale. Dal punto di vista economico, l’impatto dell’AI è altrettanto significativo. Un rapporto del World Economic Forum prevede che l’AI potrebbe apportare fino a 15,7 trilioni di dollari all’economia globale entro il 2030. Questo valore enorme è attribuito non solo al miglioramento dell’efficienza produttiva ma anche alla creazione di nuovi mercati e opportunità di business.

Inoltre, l’AI sta accelerando l’innovazione in settori come la finanza, dove l’analisi predittiva e il trading algoritmico stanno diventando sempre più prevalenti. L’adozione dell’Intelligenza artificiale e la sua progressiva evoluzione, sia in termini di prestazione, sia di diffusione, pone però quesiti importanti e soprattutto richiede di essere gestita con consapevolezza e pragmatismo. L’EU AI Act approvato lo scorso dicembre dall’Unione Europea è un importante passo verso questa direzione, ma lo sforzo legislativo dovrà essere necessariamente esteso a livello planetario e accompagnato da condotte responsabili da parte di ognuno.

2 – Connettività avanzata con 5G e oltre

La tecnologia 5G rappresenta un salto qualitativo fondamentale nel campo della connettività, offrendo velocità di trasmissione dati, latenza ridotta e una capacità di rete significativamente maggiori rispetto alle precedenti tecnologie di telecomunicazione.

Queste caratteristiche rendono il 5G un catalizzatore importante per l’avanzamento di numerose altre tecnologie, come l’Internet of Things (IoT), la realtà aumentata, i veicoli autonomi e l’intelligenza artificiale.

Dal punto di vista economico, il 5G promette di essere un motore di crescita significativo. Secondo le stime di un recente studio di Qualcomm Technologies, il 5G potrebbe generare fino a 13,2 trilioni di dollari di valore economico globale entro il 2035, creando 22,3 milioni di posti di lavoro nel settore delle telecomunicazioni e nelle industrie connesse. Questi dati sottolineano non solo il potenziale di mercato del 5G, ma anche il suo ruolo come infrastruttura chiave per l’innovazione e lo sviluppo economico.

Guardando al futuro, il 6G è già in fase di definizione dei suoi standard, promettendo di spingere ancora più in là i limiti della connettività wireless a supporto di un ecosistema tecnologico che ha proprio nella connettività il suo elemento cardine.

3 – La tecnologia Blockchain

Da qualche tempo se ne parla un po’ meno ma sta emergendo come una delle innovazioni più significative e rivoluzionarie del XXI secolo. Al suo nucleo, la blockchain è un registro digitale distribuito che registra le transazioni in modo sicuro, trasparente e immutabile.

Questa tecnologia ha guadagnato fama inizialmente come la base delle criptovalute, ma il suo potenziale va ben oltre, abbracciando settori come la finanza, la supply chain, il governo elettronico e l’identità digitale.

Uno degli aspetti fondamentali della blockchain è la sua capacità di fornire una fonte di verità condivisa senza la necessità di un’autorità centrale. Ciò si traduce in una riduzione dei costi di intermediazione, maggior trasparenza nelle transazioni e una maggiore resistenza alle frodi. Secondo un report di Pwc, la blockchain potrebbe generare un valore economico globale di oltre 1,76 trilioni di dollari entro il 2030. Questo valore si riflette in vari settori, dal miglioramento dell’efficienza nelle operazioni di supply chain alla facilitazione di pagamenti transfrontalieri più rapidi e sicuri.

La blockchain non è quindi solo una tecnologia emergente con applicazioni attuali significative, ma rappresenta anche un pilastro per il futuro digitale, con il potenziale di trasformare radicalmente diversi aspetti del nostro mondo, promuovendo maggiore sicurezza, efficienza e trasparenza.

4 – Digital Twin

Il Digital Twin o ‘gemello digitale’ è la replica digitale di un oggetto, di un sistema o di un processo fisico. Questa tecnologia permette di simulare, monitorare e analizzare dati in tempo reale, offrendo un modo innovativo per ottimizzare le operazioni, migliorare i processi decisionali e prevedere problemi prima che si verifichino.

L’importanza dei Digital Twin è in rapida crescita in molteplici settori. Nel campo della manifattura, ad esempio, i Gemelli Digitali sono utilizzati per monitorare e ottimizzare il funzionamento delle linee di produzione, riducendo i tempi di inattività e migliorando l’efficienza. Nel settore dell’edilizia, permettono di gestire in modo più efficiente il ciclo di vita degli edifici, dalla progettazione alla manutenzione.

Anche l’industria aerospaziale e automobilistica sfrutta questa tecnologia per testare e sviluppare nuovi prodotti in ambienti virtuali, riducendo i costi e i tempi di sviluppo. Stando ai dati di un rapporto di Markets and Markets, si prevede che il mercato globale dei Digital Twin raggiungerà i 35,8 miliardi di dollari entro il 2025, a dimostrazione del loro crescente impatto e valore in diversi contesti, tra cui quelli legati alla medicina e alle smart city rappresentano le frontiere più stimolanti.

5 – Stampa 3D

Conosciuta anche come fabbricazione additiva, è una tecnologia che permette di creare oggetti tridimensionali sovrapponendo strati successivi di materiali. Si tratta di un’innovazione non nuova ma dal crescente impatto soprattutto nel settore manifatturiero. In ambito medico, per esempio, la stampa tridimensionale ha reso possibile la produzione su misura di impianti e protesi, migliorando l’efficacia e il comfort per i pazienti.

Nel settore aerospaziale e automobilistico, la stampa 3D permette la fabbricazione di componenti più leggeri e resistenti, contribuendo a un aumento dell’efficienza energetica. Anche nel campo dell’edilizia, sta emergendo come una soluzione per la costruzione rapida ed economica di edifici, intere case realizzate in pochi giorni invece di mesi.

Il ‘peso specifico’ di questa innovazione è confermato dai dati macroeconomici del suo impatto. Statista stima infatti che il mercato globale della stampa 3D raggiungerà circa 37 miliardi di dollari entro il 2026, rispetto ai 12 miliardi del 2020, crescita spinta anche da applicazioni di frontiera come l’architettura sostenibile e la bioingegneria.

6 – VR, AR e mixed reality

Per molti sono ancora delle semplici sigle, in effetti il reale impatto delle tecnologie di visualizzazione tridimensionali è stato ancora piuttosto moderato ma necessariamente pronto a esplodere. La Realtà Virtuale (VR), Realtà Aumentata (AR) e Mixed Reality (MR), o Realtà estesa stanno già trasformando il modo in cui interagiamo con l’universo digitale, offrendo esperienze immersive e interattive.

Queste tecnologie, sebbene diverse nella loro applicazione, condividono la capacità di arricchire, estendere, o replicare la realtà fisica e rappresentano proprio per questa ragione una modalità di interazione del mondo digitale che diventerà essenziale grazie al contributo dell’intelligenza artificiale e della connettività 5G.

Nel mondo del retail la augmented reality permette al consumatore di valutare pienamente l’oggetto che sta pensando di acquistare, esplorando la sua immagine in 3D, visualizzando la sua possibile collocazione in un ambiente reale e perfino (grazie all’adozione della AI generativa) ‘interrogandolo’ anche in linguaggio naturale per ottenere informazioni come farebbe con un addetto in un punto vendita fisico.

Non c’è un settore in cui le applicazioni di questo tipo non avranno un impatto significativo, per esempio, nel settore del retail, la AR consente ai clienti di visualizzare i prodotti nel loro ambiente reale prima dell’acquisto, migliorando l’esperienza di shopping. Nel campo sanitario, la VR viene utilizzata per la formazione chirurgica, la riabilitazione e il trattamento di certe condizioni psicologiche. Quasi scontato l’impatto sul mondo dell’intrattenimento, in particolare quello dei videogame.

7 – Edge computing

Il termine si riferisce alla possibilità di elaborare i dati non su un server centrale ma il più possibile vicino al luogo dove sono raccolti al margine (edge) quindi e non al centro condividendo quindi solo le elaborazioni effettuate sui dati.

L’importanza dell’edge computing è rilevante in diversi contesti, soprattutto in riferimento all’Internet of Things (IoT), dove dispositivi come sensori, telecamere intelligenti e dispositivi indossabili generano enormi quantità di dati che risultano relativamente lunghi da trasferire e costosi da immagazzinare. L’elemento disruptive consiste nel passare da una elaborazione dei dati su cloud a una in loco, lì dove le informazioni vengono generate.

L’edge computing permette quindi una risposta quasi immediata e questo è essenziale per applicazioni che richiedono tempi di reazione rapidi, come il campo militare i sistemi di sicurezza, la guida autonoma, la telemedicina o lo streaming video. Dal punto di vista economico questa innovazione non può che essere destinata a crescere come confermano i dati di Grand View Research che stima un mercato globale di riferimento di ben 43,4 miliardi di dollari entro il 2027.

Nel prossimo futuro, l’edge computing avrà un ruolo ancora più significativo nel supportare l’espansione dell’IoT e delle tecnologie connesse, in particolare integrandosi con l’AI e il machine learning che contribuiranno a rendere ancora più evoluta, specifica e rapida l’analisi avanzata dei dati.

8 – Informatica quantistica

Usare il termine ‘rivoluzione’ in riferimento al quantum computing è decisamente appropriato. A differenza dei computer classici, che utilizzano bit per rappresentare lo stato di 0 o 1, i computer quantistici usano qubit, che possono esistere simultaneamente in più stati grazie al fenomeno dell’entanglement e della sovrapposizione quantistica.

Questa capacità permette ai dispositivi quantistici di eseguire calcoli complessi a velocità incredibilmente superiori rispetto ai computer tradizionali. Alcuni dei principali computer quantistici attualmente in sviluppo come l’Ibm Quantum Experience, il Google Sycamore e il D-Wave gestiscono compiti estremamente complessi come la fattorizzazione di grandi numeri o la simulazione di sistemi molecolari evoluti impiegando secondi invece che mesi.

Stando a un report di McKinsey, il mercato dell’informatica quantistica potrebbe valere circa 1 trilione di dollari entro il 2035. Questo valore deriva dalle applicazioni in diversi settori, come la scoperta di nuovi materiali, la crittografia, l’ottimizzazione di processi e la ricerca farmaceutica. Nonostante ci siano ancora sfide da superare, come l’instabilità dei qubit e il problema del ‘rumore quantistico’, non ci sono dubbi sul fatto che l’informatica quantistica giocherà un ruolo fondamentale nel plasmare il nostro futuro tecnologico.

9 – Cyber sicurezza

La cyber sicurezza è diventata una priorità fondamentale nell’era digitale, con l’aumento esponenziale delle minacce informatiche che mirano a sfruttare vulnerabilità nei sistemi informatici. L’importanza di robuste tecnologie di cyber sicurezza non può essere sottovalutata, specialmente in un contesto dove le infrastrutture critiche, i dati aziendali e le informazioni personali sono sempre più digitalizzati e interconnessi.

Tecnologie come la crittografia avanzata, l’autenticazione multifattoriale, la sicurezza basata sull’intelligenza artificiale e il machine learning sono diventati strumenti essenziali per proteggersi contro attacchi informatici sempre più sofisticati.

D’altra parte, il danno economico derivante da attacchi informatici è enorme. Il Global Risks Report 2020 del World Economic Forum ha stimato che il crimine informatico potrebbe costare all’economia globale fino a 5,2 trilioni di dollari in termini di valore di mercato aziendale nei prossimi cinque anni. Più aumenta il rischio, più aumenta l’esigenza di difendersi, ma di converso si irrobustiscono gli strumenti a disposizione merito soprattutto dell’integrazione dell’AI e di nuove tecniche di analisi predittiva.

10 – Biotecnologie

Le biotecnologie, che comprendono l’utilizzo di sistemi biologici e organismi viventi per sviluppare prodotti e processi tecnologici, sono chiaramente un ambito di frontiera tra i più stimolanti. Questo campo interdisciplinare unisce infatti biologia, chimica, ingegneria e informatica per affrontare sfide complesse in ambiti come la medicina, l’agricoltura e l’ambiente.

Un esempio notevole è lo sviluppo dei vaccini mRna per il Covid-19, che rappresentano una svolta nella scienza dei vaccini e hanno giocato un ruolo cruciale nella risposta alla pandemia. Altre applicazioni importanti riguardano le terapie geniche per trattare malattie ereditarie rare e le tecniche di editing genetico, come Crispr, che offrono la possibilità di curare o prevenire una vasta gamma di malattie.

Un interessante contesto applicativo riguarda anche l’agricoltura dove le biotecnologie rappresentano la chiave per lo sviluppo di colture geneticamente modificate, che offrono una maggiore resistenza alle malattie e ai parassiti, una migliore tolleranza agli stress ambientali e un aumento dei rendimenti. Non a caso secondo le analisi di Bcc Research, il mercato globale delle biotecnologie dovrebbe raggiungere circa 727,1 miliardi di dollari entro il 2025, con un tasso di crescita costante e significativo anche estendendo l’orizzonte temporale.


* Articolo tratto dal numero di gennaio-febbraio della rivista b2b UpTrade