Connettiti con noi

People moving

Michele Samoggia (Philip Morris Italia) nuovo presidente di Erion Care

Il manager succede a Enrico Ziino, in carica dalla nascita del consorzio, nel 2022

Michele-Samoggia

Cambio ai vertici di Erion Care: il Consiglio di amministrazione del consorzio non profit del Sistema Erion, dedicato a contrastare l’abbandono dei rifiuti dei prodotti del tabacco nell’ambiente, ha nominato come nuovo presidente Michele Samoggia, il quale succede a Enrico Ziino, in carica dalla nascita del consorzio, nel 2022.

“Siamo molto contenti della nomina di Michele Samoggia alla carica di nuovo presidente di Erion Care”, ha commentato il direttore generale, Letizia Nepi. “La sua eccellente preparazione professionale e la sua esperienza internazionale contribuiranno di certo alla crescita del nostro Consorzio nel settore della Responsabilità estesa del produttore. Ringrazio il presidente uscente Enrico Ziino per questi anni di lavoro insieme e per aver contribuito alla nascita e crescita del Consorzio”.

Il profilo di Michele Samoggia

Laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi Roma Tre, Michele Samoggia si specializza in “Environment e Development” alla London School of Economics and Political Science. Lavora per oltre 10 anni nel settore delle relazioni esterne ricoprendo ruoli di responsabilità sia negli affari istituzionali sia nella comunicazione nel settore pubblico e privato. Dopo due esperienze nel mondo delle Organizzazioni Internazionali – Unicef e FAO – matura la sua carriera in Enel, Ministero dello Sviluppo Economico e Basf. Da otto anni lavora in Philip Morris Italia, prima come Manager Affari Istituzionali e ora come Senior Manager Communication & Sustainability.

“Sono profondamente grato al Cda per la fiducia”, ha commentato Samoggia. “Ringrazio Enrico Ziino e Letizia Nepi per lo straordinario lavoro fatto in questi anni insieme al Consiglio e a tutto il sistema Erion. Ci attende una sfida fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e per garantire una migliore qualità dei luoghi in cui viviamo”.