Magie orientali in Italia grazie al Cirque du Soleil

Prosegue il tour di Dralion, lo spettacolo della compagnia canadese che mette in scena la tradizione acrobatica cinese: fino all'1 dicembre lo show fa tappa a Milano per cinque serate all’insegna di magia e acrobazie che eliminano i confini tra Oriente e Occidente

Il drago – simbolo dell’Oriente – e il leone – che rappresenta l’Occidente – tornano a fare acrobazie in Italia creando quella magia che solo il Cirque du Soleil è in grado di rappresentare: una magia ricreata dai 51 acrobati e giocolieri, danzatori e clown giovanissimi (di cui 17 cinesi) che si esibiranno in Dralion, lo show che fino all’1 dicembre fa tappa per la prima volta a Milano, al Mediolanum Forum.Uno spettacolo in cui i quattro elementi che governano la natura assumono sembianze umane dai colori evocativi: blu per l’aria, verde per l’acqua, rosso per il fuoco, ocra per la terra. Di umano, però, i protagonisti di questo famoso show sembrano davvero aver poco: in scena si vedono draghi-leoni, acrobate e giocolieri capaci di acrobazie impensabili per il nostro corpo. Anche i 1.500 costumi (e 300 calzature) confezionati con oltre 5 mila metri di tessuto e ricamati secondo le direttive di François Barbeau con raffia, metallo, cristalli, crine di cavallo, piume di emù richiamano cultura cinese, indiana e africana e incantano lo spettatore. A rendere il tutto più surreale interviene poi la musica: la colonna sonora elettrico-acustica di Violaine Corradi mescola melodie indiane, ritmi africani, musica andaluse in uno spartito di note in grado di far sognare chiunque. Un approccio multidisciplinare che si presta come non mai a rappresentare il fil rouge di quanto viene messo in scena, ovvero la ricerca senza fine dell’armonia tra l’uomo e la natura.In tour tra Europa, Nord America e Sud Africa, lo spettacolo che prende il nome dalle due creature che lo animano (il drago e il leone) è solo uno dei venti realizzati dalla compagnia canadese che ha rivoluzionato l’arte dello châpiteau e che oramai da anni sta riscuotendo successo in tutto il mondo. Certi del grande seguito che Dralion avrà in queste serate milanesi, resta da vedere come potrebbe cambiare l’espressione di chi ha gli occhi a mandorla…ma in Asia non è ancora arrivato. Info: www.cirquedusoleil.com

© Riproduzione riservata