Connettiti con noi

Attualità

Stellantis blocca la Maserati Levante. Quale futuro per Mirafiori?

Il Gruppo automobilistico ha fermato la produzione del Suv, decisione che ha provocato uno sciopero degli operai. Si attende quale modello sarà destinato a rilanciare la stabilimento

architecture-alternativo Credits: Photo by Stefano Guidi/Getty Images

Nuove incognite sul futuro dello stabilimento Mirafiori di Stellantis. Nella giornata di ieri il Gruppo ha comunicato il blocco della produzione del suv Maserati Levante, decisione che ha portato gli operai a uno sciopero. Il blocco della produzione per Levante segue la decisione di disporre sette settimane di cassa integrazione per i lavoratori della linea di assemblaggio della Fiat 500 elettrica, la cui produzione è stata ridotta da due turni a uno.

Luigi Paone, segretario generale della Uilm di Torino, ha spiegato che, delle 33 vetture Maserati prodotte ogni giorno a Mirafiori, 25 sono Levante: stabilirne lo stop equivale quasi ad azzerare la produzione di quel marchio nello stabilimento.

A lanciare una forte allerta sulla sorte di Mirafiori è stato Giorgio Airaudo, alla guida della Cgil Piemonte: “Dal 2027 non avrà più modelli, per quello che oggi sappiamo. Non sappiamo dove la nuova 500 sarà realizzata, visto che a Mirafiori non c’è la piattaforma Stla Small presente invece in altri cinque stabilimenti del Gruppo in Italia. Inoltre, il piano Maserati è slittato in avanti e questo lascia scoperta la fabbrica di Mirafiori”. Infine il report annuale della Cisl ha segnalato che l’anno scorso la produzione a Mirafiori è calata del 9,3% sotto le 86mila autovetture.

I sindacati Fim, Fiom e Uilm stanno lavorando da mesi a una piattaforma comune per il rilancio dello stabilimento Stellantis di Mirafiori, che ha bisogno di un secondo modello per rafforzare la produzione della Fiat 500 elettrica e garantire un futuro al polo industriale.