Manager disoccupati: dalla Lombardia fondi per il reinserimento nelle pmi

Intesa tra la Regione, le organizzazioni regionali dei manager e delle imprese: oltre 1,5 milioni di euro in contributo per la ricollocazione di ex dirigenti tra i 50 e i 62 anni

manager-disoccupatipressphoto/Freepik

Migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, avviare percorsi di formazione specialistica, valorizzare le competenze nonché favorire l’occupazione e il reinserimento lavorativo per manager disoccupati, favorendo l’ingresso nelle imprese del territorio di nuova managerialità, fondamentale per aumentare competitività e sviluppo. Questi gli obiettivi della nuova collaborazione tra Regione Lombardia, le organizzazioni regionali dei manager (Manageritalia e Federmanager) e delle aziende (Confindustria e Confcommercio) per valorizzare la componente manageriale del capitale umano lombardo.

Finanziamenti per il reinserimento di manager disoccupati

L’iniziativa può contare sua una dotazione finanziaria complessiva, messa a disposizione da Regione Lombarda, di 1,5 milioni di euro, di cui 500 mila espressamente dedicati a favore delle dirigenti inoccupate. A poter usufruire dei contributi saranno manager disoccupati, uomini e donne, privi di impiego di tipo subordinato da almeno 30 giorni con un’età compresa tra 50 e 62 anni, residenti o domiciliati in Regione Lombardia.

“Le competenze manageriali sono individuate quali leve di sviluppo competitivo per le imprese”, sostiene l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Simona Tironi. “Tali interventi saranno realizzati nell’ambito del Programma Regionale FSE+ 2021-2027, volto alla riqualificazione e all’accompagnamento al lavoro delle persone. È necessario fornire a manager e dirigenti le competenze tecniche, professionali e relazionali di cui le aziende hanno bisogno, perciò sono convinta che si debba intervenire per il rafforzamento e la specializzazione dei servizi e delle tecniche di recruiting, allo scopo di favorire un maggiore e migliore raccordo tra manager e mondo imprenditoriale”.

Ricollocazione attraverso voucher alle imprese, soprattutto pmi

Come spiegato dal presidente di Confindustria Lombardia, Francesco Buzzella, il protocollo appena sottoscritto prevede servizi di placement per la definizione di percorsi professionali personalizzati e per l’accompagnamento al lavoro finalizzati all’assunzione unitamente al supporto ai percorsi di formazione specialistica. “Il protocollo”, afferma, “consentirà di rafforzare le misure di incentivo alla riassunzione e di favorire la ricollocazione di manager inoccupati attraverso voucher alle imprese, soprattutto pmi, a copertura parziale della retribuzione del manager. Si tratta di un accordo importante perché potrà supportare la gestione del cambio generazionale e la continuità d’impresa proprio attraverso la possibilità di rioccupazione presso le pmi. Tramite questa intesa si potrà evitare una dispersione di preziose competenze manageriali che pertanto risulteranno utili alla creazione di percorsi professionali per le nuove generazioni”.

Due linee di intervento e contributo

Due le linee d’intervento e contributo previste, volte a favorire la rigenerazione delle competenze manageriali:

  • Linea A – Servizi di placementper la definizione di percorsi professionali personalizzati e per l’accompagnamento al lavoro finalizzati all’assunzione che potranno godere di un voucher del valore massimo sino a 6 mila euro per ogni singolo destinatario. In questa linea rientrano servizio come: bilancio delle competenze, sviluppo del progetto professionale personalizzato, attività di ricerca di nuove opportunità professionali, supporto nella fase di selezione e di inserimento nella nuova attività.
  • Linea B – Servizi di formazione specialistavolti alla riqualificazione delle competenze attraverso corsi e percorsi formativi che porranno godere di un contributo massimo di 5 mila euro per ogni singolo destinatario. I voucher verranno erogati con procedura a sportello ossia, in base all’ordine cronologico di presentazione della domanda, previa istruttoria formale in relazione ai requisiti di accesso previsti e l’erogazione del contributo avverrà solo a rendicontazione delle spese sostenute.

A entrambi i voucher saranno affiancati contributi di derivazione contrattuale. Tutte le informazioni e le domande per accedere ai contributi saranno disponibili sul sito di Regione Lombardia e delle associazioni di riferimento.


Immagine in apertura di pressfoto da Freepik

© Riproduzione riservata