Lo spazio semichiuso è l’ideale per lavorare

La produttività in ufficio dipende anche dal tipo di postazione: a seconda dell’apertura favorisce la concentrazione e il silenzio o la comunicazione e il networking

Se uno spazio di lavoro è open space favorirà lo scambio tra reparti, ma creerà anche rumore e difficoltà di concentrazione. Uno chiuso da tutti i lati, invece, è silenzioso e garantisce la privacy, ma la cooperazione con i colleghi ne risente. Per questo gli spazi semichiusi sono l’opzione migliore per massimizzare la produttività, secondo un’indagine di Regus condotta su 20.000 uomini d’affari in tutto il mondo.

“I lavoratori oggi hanno molte opzioni di design a disposizione per la propria postazione” spiega Mauro Mordini, country manager di Regus. “Sono finiti i tempi degli uffici chiusi per staff senior e aree reception open space. Ora è molto più comune la formula degli open spaces condivisi tra lavoratori di diversi dipartimenti e funzioni. Sorprende scoprire che gli uomini d’affari considerano i rumorosi uffici open space come meno produttivi, ma è interessante realizzare che la loro preferenza sia effettivamente una via di mezzo: gli uffici semichiusi che permettono di beneficiare dei vantaggi dell’ambiente collaborativo tipico degli open spaces senza che i loro pensieri siano disturbati dal rumore di fondo. Quando sono fuori dall’ufficio, i lavoratori confermano questa preferenza, evitando bar rumorosi e giudicando i business lounges più adatti ad offrire produttività e networking”.

In particolare, in Italia l’80% degli intervistati è d’accordo su come avere la scrivania con vista all’esterno, ma al riparo dalla confusione, aiuti di più a mantenere la concentrazione e per il 74% questa rappresenta la soluzione migliore fra tutte. Nonostante le altre postazioni abbiano comunque dei vantaggi: per il 63% un ufficio chiuso garantisce il massimo della riservatezza, mentre gli open space incoraggiano maggiormente la comunicazione (70%) e sono ritenuti dal 65% la chiave per favorire la cooperazione. Per chi lavora da remoto, invece, le business lounge sono la soluzione più opportuna per chi vuole coniugare sia la produttività (58%) che il networking (55%).

© Riproduzione riservata