Connettiti con noi

Lavoro

In pensione a 75 anni, un rischio per chi è nato nel 1980

L’allarme del presidente Inps Tito Boeri, che invoca una maggior flessibilità per il sistema pensionistico. Da questa settimana, al via le prime 150 mila buste arancioni

Il futuro dei lavoratori nati nel 1980? Andare in pensione addirittura a 75 anni. A paventare questo scenario è lo stesso presidente dell’Inps, Tito Boeri, ospite al Graduation Day dell’Università Cattolica di Roma. «Non voglio terrorizzare ma solo rendere consapevoli dell’importanza della continuità contributiva», mette le mani avanti Boeri. «Abbiamo voluto studiare una generazione che può essere indicativa: quella del 1980. Ne abbiamo ricostruito l’estratto conto previdenziale. Abbiamo preso in considerazione i lavoratori dipendenti, ma anche gli artigiani, persone che oggi hanno 36 anni e che probabilmente a causa di episodi di disoccupazione vede una discontinuità contributiva di circa due anni. Due anni senza contributi». Per Boeri il ‘buco’ contributivo pesa sul raggiungimento delle pensioni, che a seconda del prolungamento dell’interruzione può slittare «fino anche a 75 anni».Da qui, la richiesta da parte di Boeri, di una maggior flessibilità all’interno del sistema pensionistico, pena la perdita di intere generazioni. «Noi le nostre proposte le abbiamo fatte ormai quasi un anno fa e le abbiamo presentate al governo. A ottobre le abbiamo rese pubbliche. Il nostro contributo lo abbiamo dato, adesso spetta alla politica decidere cosa fare. Io mi auguro che qualcosa venga fatta», aggiunge Boeri.

AL VIA LE BUSTE ARANCIONI. Nel frattempo, questa settimana partiranno le prime buste arancioni contenenti le informazioni sulla propria pensione: estratto conto contributivo, data di uscita e previsione di quanto si percepirà una volta in pensione. In tutto 150 mila missive, destinate ai cittadini italiani. «Abbiamo trovato tantissimi ostacoli, soprattutto per l’invio delle buste arancioni perché, lo voglio dire con sincerità, c’è stata paura nella classe politica, paura che dare queste informazioni la possa penalizzare», ammette Boeri.

Credits Images:

© Ecb Forum on Central Banking