Destinazioni da smart working

La classifica delle dieci migliori città europee per una workation

smart working© iStockPhoto

La diffusione dello smart working ha aumentato le possibilità di viaggiare, concedendo la possibilità di trascorrere qualche tempo lontani dalla città di residenza senza per questo “bruciare” giorni di ferie, ma alternando momenti di lavoro a momenti di svago e turismo.

È nato anche un nuovo termine per definire quest’abitudine: workation. Ma perché la cosa funzioni, è necessario trovare il posto giusto per svolgere al meglio il proprio lavoro, magari uno spazio di coworking ben attrezzato che non costi un occhio della testa.

Smart working: le 10 città migliori per il coworking in Europa

Per questo l’azienda olandese ha preso in esame le 50 città più popolate d’Europa e stilato una classifica delle dieci migliori per il coworking tenendo conto di fattori come numero di spazi disponibili e relativi costi, velocità della rete Wi-Fi, costo mensile dei trasporti pubblici, ma anche costo di una tazza di caffè o il conto delle ricerche mensili su Google per gli spazi di coworking in ogni città.

Il risultato è una classifica dal podio tutto spagnolo, che vede Barcellona al primo posto con 286 spazi di coworking tra cui scegliere a costi accessibili, seguita da Madrid – prima per velocità del Wi-Fi – e Valencia. La quarta posizione se la aggiudica Bristol, mentre la quinta è un ex aequo tra Sheffield (Regno Unito) e Bucarest (Romania), dove rispettivamente si trovano il più alto numero di spazi per lavorare pro capite (25,2 ogni 100 mila abitanti) e il trasporto pubblico più economico.

Segue Amsterdam che offre una fiorente scena imprenditoriale e numerosi spazi di coworking all’avanguardia che rispondono a esigenze diverse, mentre Saragozza e Siviglia occupano il settimo e l’ottavo posto, confermando lo status della Spagna come paradiso europeo per il lavoro agile, con un totale di ben cinque città che rientrano nella top 10. Chiudono la classifica Berlino e, in ultimo, Cracovia, in Polonia. Mentre l’Italia non è pervenuta…

smart working

© Riproduzione riservata