Connettiti con noi

Lavoro

A San Gallo la miglior scuola per manager, migliora l’italiana Bocconi

Pubblicata la classifica 2013 dei migliori Masters in Management al mondo stilata dal Financial Times. Buone notizie dall’ateneo milanese, che sale al 17esimo posto. Ma l’eccellenza si trova anche a Torino

Aspiranti manager, segnatevi queste università perché è qui che si formano i migliori dirigenti d’azienda al mondo e, soprattutto, buona parte dei loro studenti trova lavoro entro tre mesi dal diploma. Sono le business school segnalate dalla classifica Masters in Management, stilata ogni anno dal Financial Times e che, anche per l’edizione 2013, vede al primo posto l’Università di San Gallo, in Svizzera. Il ranking 2013 vede migliorare l’italiana Bocconi: l’ateneo milanese, infatti, guadagna sei posizioni e si posiziona 17esimo al mondo. Il riconoscimento in classifica, spiega una nota dell’Università Bocconi, è per il programma Master of science in International management, corso di laurea biennale tenuto in inglese, lanciato nel 2006 e che ha debuttato nel ranking FT nel 2010 al 33° posto. La valutazione per la classifica è basata su una serie di criteri, tra cui la mobilità internazionale dei laureati, l’esperienza internazionale degli studenti durante il biennio e il progresso dei laureati in termini di salario e carriera.

NON SOLO BOCCONI. All’interno della classifica da segnalare anche il secondo posto dell’ESCP Europe. La scuola, fondata a Parigi nel 1819 e considerata la più antica business school del mondo, può contare anche su una sede a Torino oltre ai campus di Parigi, Londra, Berlino, Madrid.

SALE ANCHE IL POLITECNICO DI MILANO. Buone notizie anche per la School of Management del Politecnico di Milano, che migliora di sei posizioni rispetto al 2012 e si piazza al 62esimo posto della classifica con il suo Master of Science in Ingegneria Gestionale.

LA CLASSIFICA – Vai al sito

Articolo aggiornato il 16 settembre alle ore 17.28

Credits Images:

L'immagine di copertina del report Masters in Management del Financial Times