Connettiti con noi

Marketing

Vola Nvidia, perde terreno Tesla: i 500 brand che valgono di più al mondo

Ray-Ban e Armani entrano nella Brand Finance Global 500 2024, portando a 12 i marchi italiani in classifica. Al primo posto si conferma Apple, che ha visto crescere il suo valore del 74%

architecture-alternativo

È stato presentato al World Economic Forum di Davos la Brand Finance Global 500 2024, ovvero la nuova edizione della classifica con i 500 marchi del mondo ordinati per valore generato da immagine & reputazione. Un valore che, negli ultimi 12 mesi, è cresciuto complessivamente dell’8%, mentre lo scorso anno c’era stata una contrazione pari al -1%.

La Brand Finance Global 500 2024

Come nel il 2023, la classifica dei 500 principali brand del mondo preparata da Brand Finance è guidata da aziende tecnologiche e media i cui brand mediamente sono cresciuti rispettivamente del 34% e del 12%. Diversamente lo scorso anno sia i brand tech sia quelli media avevano perso mediamente il 6% in valore.

I settori

L’incremento di valore dei brand tech e media è dovuto in parte al rimbalzo, dopo il calo dello scorso anno, e in parte all’intelligenza artificiale che ha riportato la tecnologia al centro dell’attenzione.

I brand di altri settori che hanno un peso rilevante nella Global 500 – come quelli delle banche e dell’automotive hanno avuto una leggera crescita, mentre retail e telco hanno avuto un leggero decremento di valore.

Dominio Apple

Il valore del marchio Apple, in prima posizione, è aumentato del 74% rispetto allo scorso anno raggiungendo i 516,6 miliardi di dollari, riconquistando così il titolo di brand di maggior valore al mondo con un enorme margine rispetto agli inseguitori Microsoft e Google.

L’incremento del valore di Apple dipende in buona parte dal buon rafforzamento del livello di attrattività (brand rating da AAA- a AAA) che emerge in particolare nell’incremento della considerazione e della raccomandazione di acquisto. Il peggioramento delle vendite dei telefoni di recente si è stabilizzato, così Apple rimane il marchio di smartphone premium dominante con una quota di mercato del 71%.

“L’impressionante incremento del valore del marchio Apple è dovuto al successo della strategia di diversificazione che grazie ai dispositivi indossabili e ad Apple Tv ha ridotto la dipendenza dalle vendite degli iPhone”, ha commentato Massimo Pizzo, Senior Consultant i Brand Finance. “Secondo la nostra ricerca, oltre il 50% degli intervistati ha riconosciuto Apple come un prodotto costoso, ma che vale il suo prezzo, rafforzando la capacità del marchio di richiedere un sovrapprezzo”.

Chi sale e chi scende

Nel report Brand Finance Global 500 2024, Nvidia risulta il brand con la crescita più veloce al mondo (+163%), raggiungendo così i 44,5 miliardi di dollari. La crescita di Nvidia è dovuta alla forte percezione di brand innovativo grazie ruolo che si è ricavato nell’intelligenza artificiale.

Tesla perde il 12% scendendo a 58,3 miliardi di dollari sia per la riduzione del valore percepito e reale dei prodotti, sia per il peggioramento dell’immagine dei Elon Musk. Al contrario Byd (+20% raggiunge i 12,1 miliardi di dollari) continua la cavalcata soprattutto grazie alle ottime performance nel mercato domestico e all’interesse che comincia a riscuotere al di fuori della Cina.

I brand italiani più forti al mondo

Quest’anno sono presenti 12 brand italiani nella Brand Finance Global 500, Ray-Ban e Armani si aggiungono agli altri italiani presenti anche lo scorso anno. Complessivamente il valore di brand italiani cresce del 14%, ma il peso dell’Italia si conferma poco rilevante: come lo scorso anno i brand italiani rappresentano l’1% del valore dell’intera Global 500.

Gucci, nonostante la perdita del 17%, con un valore pari a 14,9 miliardi, si conferma il brand italiano il maggiore valore al mondo e il secondo brand italiano più forte dopo Ferrari.

Ferrari, con una crescita del 43%, è il brand italiano che cresce di più, superando così la soglia dei 10 miliardi di dollari di valore raggiungendo il valore di 10, 6 miliardi di dollari. La crescita di Ferrari, è trainata dall’estrema forza di questo brand, che si conferma tra i 10 brand più forti del mondo, ben supportata dall’amministratore delegato Alberto Vigna che nel report Brand Guardianship Index 2024 di Brand Finance risulta primo tra gli italiani e 31° assoluto.

Gli altri brand italiani in classifica che crescono sono Generali, Conad, Prada, Ray-Ban, Armani e Poste. Diversamente Tim, Eni, Intesa Sanpaolo ed Enel sono gli altri brand italiani che perdono valore.