Connettiti con noi

Attualità

Cosa dicono i tagli di Apple ai prezzi di iPhone in Cina

È la prima volta che il colosso di Cupertino opta per una politica di sconti. D’altra parte la concorrenza asiatica è ai massimi livelli sia per l’avanzata delle aziende rivali sia per i botta e risposta politici tra Pechino e Usa

architecture-alternativo Un cliente osserva un iPhone 15 in un negozio di di PechinoCredits: Photo by Kevin Frayer/Getty Image

La situazione economica globale non è rosea e lo dicono diversi segnali. Uno di questi arriva dalla Cina, dove Apple ha deciso di tagliare il costo degli iconici iPhone. Una riduzione del prezzo che è arrivata fino a 70 dollari.

La notizia è unica e storica nel suo genere. Non era mai accaduto prima che l’azienda alimentata dal genio del compianto Steve Jobs si trovasse ad applicare sconti ai propri prodotti, considerati sinonimo di qualità e generalmente caratterizzati da prezzi sopra la media.

La competizione internazionale ha avuto un peso rilevante e la scelta è stata necessaria per poter mantenere un ruolo di primo piano nel mercato asiatico più grande al mondo.

I problemi registrati da Apple in Cina sono diventati evidenti con le difficoltà legate alle vendite di iPhone 15, mentre gli smartphone di rivali cinesi come Xiaomi e Huawei si sono posizionati ottimamente. Queste criticità, come sempre, hanno avuto inevitabilmente una ricaduta in Borsa, dove Apple deve cercare di tenere testa ai sorpassi di Microsoft tra i titoli tecnologici.

Così la società ha attivato una strategia di sconti per tre giorni dal 18 al 21 gennaio 2024, con la riduzione del prezzo del 5% su alcuni iPhone. Intanto però, stando agli analisti di Jefferies, la prima settimana dell’anno ha portato con sé un crollo del 30% delle vendite su base annua.

Le vicende politiche in tutto questo non aiutano. Alle restrizioni imposte dagli Usa alle applicazioni asiatiche per questioni di sicurezza, le autorità e le aziende cinesi hanno risposto con l’ordine di limitare l’utilizzo dei dispositivi Apple imposto ai propri collaboratori.