Connettiti con noi

Business

In vigore il Fondo Nazionale per il Made in Italy da un miliardo

Ufficialmente operativo da oggi, il provvedimento prevede interventi di valorizzazione, promozione e tutela tra cui anche il liceo del “Made in Italy” e la Giornata nazionale ad hoc che si terrà il 15 aprile

architecture-alternativo Credits: LdF/iStockPhoto

Con una dotazione complessiva di un miliardo di euro, il disegno di legge quadro sul Made in Italy, approvato dal Parlamento il 20 dicembre 2023, entra in vigore ufficialmente oggi, giovedì 11 gennaio 2024.

Prevede interventi di valorizzazione, promozione e tutela tra cui l’istituzione di un Fondo sovrano, del liceo del “Made in Italy” (partirà con l’anno scolastico 2024/2025 ma le iscrizioni sono già aperte) e di una specifica Giornata nazionale che si terrà il 15 aprile.

Gli obiettivi del Fondo Nazionale del Made in Italy

Innanzitutto, il Fondo Nazionale del Made in Italy, cosiddetto Fondo sovrano, è partecipato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze ed è aperto alla partecipazione di fondi di investimento e altri soggetti.

L’obiettivo dichiarato è investire nelle filiere dei settori strategici, fin dalla fase dell’approvvigionamento delle materie prime. In altri termini, viene introdotto uno strumento d’azione che si spera sia efficace e che sostenga in modo concreto il tessuto produttivo nazionale nei settori di maggiore eccellenza.

Nel dettaglio, lo stanziamento previsto consta di 700 milioni per il 2023 e 300 milioni per il 2024.

La giornata nazionale del Made in Italy

Intanto il ministro Adolfo Urso ha incontrato ieri a Palazzo Piacentini i principali attori del sistema produttivo italiano per avviare i lavori in vista della prima giornata nazionale del Made in Italy, che verrà celebrata il 15 aprile 2024 con iniziative in tutto il Paese. “Sarà un grande evento che coinvolgerà aziende, imprenditori, confederazioni, associazioni e istituti scolastici per celebrare le eccellenze del nostro marchio, della nostra produzione, del nostro ingegno”, ha anticipato Urso.