Ufficiale, un quarto della Riso Scotti è spagnola

Ceduto il 25% della società alla multinazionale Ebro Foods. Il presidente Dario Scotti: “Per noi è un momento storico”

Dopo 153 anni di ininterrotta conduzione famigliare, la Riso Scotti apre ad azionisti stranieri. Dopo l’annuncio dello scorso febbraio, arriva la conferma ufficiale: la multinazionale spagnola Ebro Foods – operante nel settore del riso, della pasta e dei sughi con 60 marchi in 25 Paesi tra Europa, Nord America, Asia e Africa – ha acquisito il 25% della Riso Scotti. “Per noi è un momento storico – spiega Dario Scotti, presidente e amministratore delegato della società italiana – dopo 153 anni l’azienda, 100% di proprietà della mia famiglia, apre ad azionisti terzi. La scelta è stata attenta e meditata, nel desiderio di esprimere una rinnovata e maggiore forza industriale come primo gruppo risiero europeo, in termini di sviluppo e distribuzione di prodotti di nuova generazione. Sappiamo di aver scelto i migliori e siamo lusingati di essere stati scelti dai numeri uno”,

© Riproduzione riservata