Il 2018 è stato un anno di grande trasformazione per l’Intelligenza Artificiale. E il 2019 non sarà da meno. Lo dice una retrospettiva pubblicata di recente da IBM Research, che esplora i traguardi raggiunti in questo settore e anticipa i trend per l’immediato futuro.

Un’intelligenza sempre più “umana”

Secondo l’analisi di IBM, i ricercatori in quest’ultimo anno hanno dedicato molta attenzione alle capacità dei sistemi di AI di comprendere il parlato e di apprendere dalla propria esperienza.

Il 2018 ha visto infatti nascere nuovi metodi di Machine Listening Comprehension  che permettono alle macchine di comprendere i ragionamenti alla base degli enunciati e interagire in modo più naturale con gli esseri umani. Sistemi sempre più efficaci di Question & Answer , inoltre, consentono ora alle macchine di rispondere in modo più accurato alle domande sui testi, riordinando e aggregando le evidenze raccolte in diversi brani.

Interessanti anche le novità sul fronte dell’apprendimento. Il sistema ∆-encoder presentato di recente da IBM Research permette infatti alle macchine di riconoscere visivamente nuovi oggetti partendo da pochissimi esempi, evitando le lunghe fasi di addestramento a cui eravamo abituati. Nascono anche i primi sistemi di apprendimento cooperativo, in cui un agente intelligente impara da un altro e viceversa, come in un vero e proprio lavoro di squadra.

2019: è l’anno dell’impegno sociale

Tanti quindi i successi del 2018. E per il prossimo anno si prevedono sfide altrettanto importanti.

Tra i trend emergenti lo sviluppo di modelli causali, che pian piano sostituiranno quelli basati su correlazioni. Obiettivo dell’Intelligenza Artificiale sarà infatti replicare il più possibile i meccanismi del ragionamento umano, riconoscendo dei legami di causa-effetto (non più quindi semplici correlazioni) tra i fenomeni.

Importante anche l’impegno dei ricercatori per rendere più scalabili i processi di AI con i nuovi sistemi di quantum computing , che permettono di potenziare le capacità della macchina riducendo al tempo stesso i costi computazionali.

Ma nel 2019 la ricerca non tralascerà i problemi di ordine etico: questo infatti sarà l’anno della trasparenza e dell’impegno sociale. Secondo IBM Research, nell’immediato futuro la comunità scientifica si impegnerà ancora di più per rendere chiari e decifrabili i meccanismi alla base dell'AI. E numerose saranno le applicazioni di questi sistemi per il bene sociale e l’equità.