Connettiti con noi

Attualità

Nasa, la Luna è sempre più vicina

Ottenuta, grazie alla fotocamera WAC della sonda Lunar Reconnaissance, la mappa ad alta definizione più accurata mai realizzata. Faciliterà la pianificazione delle missioni future verso il nostro satellite preferito

Un team guidato da Mark Robinson, principal investigator della Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC) presso l’Arizona State University a Tempe, ha utilizzato la Wide Angle Camera (WAC) della sonda lunare LRO lanciata dalla Nasa, per realizzare la più accurata mappa in alta definizione della superficie butterata di crateri della Luna. Lanciato il 18 giugno 2009, il Lunar Recognissance Orbiter orbita la Luna ad un’altezza di circa 50 km ed ha come missione principale quella di raccogliere più informazioni possibili per spianare la strada ad un ritorno dell’umanità sul satellite terrestre. Studiando la nuova mappa topografica (battezzata ufficialmente Global Lunar DTM 100 m topographic model o GLD100 in breve), che permette di visualizzare la superficie lunare con una scala di 100 metri per ogni pixel, sarà possibile analizzare le pendenze e la profondità di ogni altura, vulcano o cratere per stabilire quali potranno essere le aree più adatte a sostenere la presenza umana. Per stabilire con precisione tutti i dislivelli della superficie lunare, la WAC ha mappato l’intero pianeta ogni mese. Studiando il modo in cui la luce solare si riflette sulle varie superfici, il sistema di computer a bordo dell’Orbiter ha elaborato una mole enorme di dati che è stata successivamente renderizzata per arrivare ad un risultato finale che include 192 terabyte di dati, immagini e mappe relative al nostro satellite naturale preferito (e unico). “Si tratta di un risultato eccezionale”, ha commentato Douglas Cooke, associate administrator dell’Exploration Systems Mission Directorate presso i Nasa Headquarters a Washington. “La fase esplorativa della nostra missione sta dando frutti molto superiori a quanto avevamo inizialmente ipotizzato e siamo solo all’inizio del programma LRO”.