Connettiti con noi

Attualità

Loro li fanno strani

Il barketing? Fa rima con marketing, ma non è certo una nuova forma di comunicazione aziendale! E la sigla zes si riferisce a tutt’altro che a una fiera di elettronica d’oltreoceano. Fiori d’arancio in vista? Sposi, parenti e testimoni potrebbero avere bisogno di un bridal stylist. Se poi si sogna una vacanza organizzata su misura, basta rivolgersi a un voyage designer… Alcuni tra i mestieri più originali e in voga del momento

Voyage designer

È una sorta di “stilista dei viaggi”, un consulente col compito di organizzare una vacanza tailor made, su misura per i clienti che ne fanno richiesta. Figura molto diffusa negli Stati Uniti, in Italia è arrivata solo negli ultimi due anni. L’agenzia Viaggiaconnoi (www.voyagedesigner.it, www.viaggiaconnoi.it) ha tra i suoi obiettivi quello di sviluppare una rete nazionale di esperti di questo tipo, consulenti autonomi che, grazie al know how acquisito nella formazione e all’uso delle nuove tecnologie, s’integrino come ulteriore canale distributivo nella struttura commerciale (45 punti vendita sul territorio nazionale), avendo comunque un’agenzia fisica vicina a cui fare riferimento. Il voyag designer è dunque un personal shopper del tempo libero, a disposizione di coloro che desiderano passare delle vacanze indimenticabili ed esclusive, programmate in base alle proprie esigenze, senza vincoli di orari.

Sugar artist

Quando la passione per il mondo fashion e per i backstage delle più importanti sfilate si unisce all’amore per l’arte e all’abilità di cake design, non possono che nascere Torte d’autore (www.tortedautore.it): così si chiama la realtà imprenditoriale creata da Paola Azzolina, tra le ambasciatrici della sugar art a livello nazionale. Da Acireale (Ct), dove i suoi genitori sono noti ristoratori, a Londra, dove Azzolina ha studiato con famosi esperti come Eddie Spence, Paddi Clark, Alan Dunn e Frances McNaughton, fino a Roma, sede prescelta per il suo laboratorio e punto vendita in cui, accanto alle torte più classiche della produzione di settore e modelli originali, si possono apprezzare anche riproduzioni di celebri collezioni moda: borse, scarpe, pochette e abiti. Per dare un tocco di dolcezza al glamour.

Barketing expert

Lo sono gli specialisti che lavorano nei pet resort di lusso Paradise4Paws, hotel premium a stelle e strisce per cani e gatti, per ora disponibili presso due scali di Chicago e uno a Dallas, ma con l’idea di espandersi nel prossimo biennio (bark, in inglese, significa “abbaiare”). L’idea è quella di affidare i propri amici a quattro zampe poco prima di imbarcarsi per vacanza o per lavoro, e ritirarli al ritorno. Senso di colpa e nostalgia? A mitigarli ci pensano i servizi ultra chic per il benessere di Fido e felini: massaggi, palestra, stanza dei giochi, spa, piscina e maxi schermo oltre, naturalmente, ad assistenza sanitaria. I padroni, inoltre, possono rimanere in contatto tramite Web-cam. I costi? Si va dalla Deluxe Suit a 49 dollari per arrivare alla Presidential da 80 dollari a notte. www.paradise4paws.com

Bridal stylist

È il professionista che si occupa del look della sposa, ma non solo: anche di quello dello sposo, dei testimoni e dei parenti più stretti e suggerisce il dress code degli invitati. Stefania Boa (nella foto, stefaniaboaweddingplanner.blogspot.it) – laureata in organizzazione e risorse umane e figlia di un’imprenditrice che produce e vende, neanche a dirlo, abiti da sposa – è un’esperta del settore e tiene corsi specifici in materia: bisogna padroneggiare, per esempio, anche nozioni di cromatologia, in modo da dare consigli ad hoc su forme, tagli d’abito, colori e tessuti da scegliere in base anche ai tratti fisiognomici dei clienti. A seconda del tipo di consulenza, i costi oscillano da 250 a 1.000 euro per evento. Questo mese debutta on line il sito www.biancoconstile.it dove Stefania Boa e la wedding planner Marta Merlini hanno riunito vari servizi dedicati al matrimonio e al dress code da cerimonia.

Baby shower consultant

Arriva dagli Usa ed è molto in voga tra i vip, come dimostrano Victoria Beckham e Shakira. Ma il baby shower party (“pioggia di regali” per i bebé) è sempre più richiesto anche in Italia, sia dalla clientela locale sia da quella internazionale che vuole festeggiare l’arri vo della cicogna nel Belpaese. Offre anche questo, accanto ai vari servizi di lusso che propone, Silk Gift Milan (www.silkgiftmilan.com), agenzia creata da Amanda Archetti e Isabella Ratti. Dalla scelta della location agli addobbi, dal rinfresco made in Italy fino alle torte (a forma di biberon, ma anche diaper cake, con regali avvolti in pannolini o asciugamani a più strati), nulla è lasciato al caso, in base alle diverse esigenze e ai budget a disposizione. Silk Gift Milan organizza anche grandmother party, dedicati alle future nonne, e regala alle sue clienti dei baby shower un servizio di image consulting per il giorno della festa o in altre occasioni mondane.

DALL’ETÀ VITTORIANA A CARRIE IN THE CITY

Sembra che il debutto del baby shower sia avvenuto in America in età vittoriana: all’epoca le dame, non potendo mostrarsi al pubblico incinte, offrivano un tè dopo il parto. Anche il piccolo e il grande schermo hanno celebrato questa moda, da una puntata di Sex and the City al terzo Shrek.

Wedding dog sitter

Come lasciare a casa il migliore amico a quattro zampe in uno dei giorni più importanti della propria vita? Elisa Guidarelli, esperta toelettatrice, ha lanciato nel 2010 il primo servizio professionale in Italia di dog sitting per matrimoni ed eventi (e lo ha registrato anche come marchio, Wedding dog sitter ®, www.weddingdogsitter.com). In due anni ha seguito oltre 50 cerimonie. Disponibile a livello nazionale a partire da 500 euro, in base alla taglia del cane e al pacchetto scelto, con presenza accanto agli sposi dalle 12 alle 15 ore. Le soluzioni sono diverse, ma i momenti fissi sono la toelettatura, un accessorio personalizzato da far indossare all’animale (papillon o collar) e il reportage fotografico dal punto di vista di quest’ultimo, seguito da www.emotionalphotographer.com. Il tutto nel rispetto dei cuccioli, evitando qualsiasi forma di ridicolizzazione, e facendoli partecipare attivamente all’euforia e gioia della festa.

Pole dance instructor

Combina forza fisica e sensualità ed è una delle ultime frontiere in fatto di danza e di fitness. La pole dance si pratica da oltre vent’anni in Canada e Australia, e da circa una decina in Europa, con Inghilterra e Francia ai primi posti. In tempi recenti si sono sviluppati enti e federazioni nazionali, nel vecchio continente e a livello globale, che si stanno impegnando nella formazione professionale degli insegnanti. La fama (e conseguentemente i compensi) degli instructor dipendono anche dai campionati sostenuti e dai titoli in possesso. Le principali aziende che commercializzano abbigliamento e accessori ad hoc hanno scelto le migliori acrobate come testimonial. Per l’Italia: www.poledanceitaly.com, primo sito Web dedicato all’argomento, fondato da Valentina D’Amico.

VOLTEGGI ACROBATICI AL CINEMA

Nel grande revival anni ‘80 Rock of Ages, trasposizione cinematografica dell’omonimo musical di Broadway uscito lo scorso anno, hanno preso parte al cast (in cui spiccavano star del calibro di Tom Cruise, Paul Giamatti e Alec Baldwin) anche tre pole performer di fama internazionale: Marlo Fisken, Alethea Austin e Jenyne Butterfly.

Eating designer

Dall’arte alla moda, dal design all’architettura fino alla cucina. Il cibo come strumento di ricerca del piacere, mezzo per instaurare relazioni con gli oggetti, esaltandone il potere comunicativo e relazionale. È l’operazione trasversale che portano avanti gli eating designer, come quelli del collettivo tutto al femminile Arabeschi di latte, fondato da Francesca Sarti nel 2001. In dieci anni il team, che utilizza istallazioni culinarie e ricette per creare esperienze interattive e momenti di socialità (nella foto, un’opera-evento dedicato al rito della colazione), si è inserito in diversi contesti, progettando eating event, temporary bar, performance, workshop, in Italia e all’estero. Gli artisti realizzano, inoltre, food concept su misura per aziende, musei e gallerie, agenzie, e in alcuni casi, anche per privati. www.arabeschidilatte.

AL SALONE DEL MOBILE 2013

Alla scorsa kermesse milanese, la designer italo-colombiana Lucy Salamanca, con lo chef Daniele Baruzzi ha presentato i wagon food, nuovi format ristorativi che intendono coniugare la mobilità dello street food e la genuinità delle materie prime, secondo una feconda contaminazione tra cibo e arredo che coinvolge anche l’etica sociale. Se è un dato di fatto che dedichiamo sempre meno tempo alla fruizione culinaria, non per questo – ci mostra la creazione – bisogna sacrificare la qualità dei piatti e le loro funzionalità. www.foodesignfactory.it, www.salamancadesign.com

Zumba education specialist (ZES)

Zumba®Fitness è oggi un marchio globale che unisce fitness, intrattenimento e cultura in un grande e movimentato dance party. Attualmente conta oltre 14 milioni di partecipanti a settimana in oltre 140 mila palestre e scuole e in più di 150 Paesi del mondo. Un mix di ritmi internazionali e coreografie ispirate a salsa, merengue, samba, belly dance, reggeton e hip pop, solo per ricordare alcuni stili, fa sì che l’allenamento passi dalla tonificazione al potenziamento muscolare fino al cardio. Per ottenere la licenza come istruttore occorre frequentare un corso di formazione Zumba Basic e successivamente è possibile seguire varie specializzazioni, per esempio Zumba Gold per insegnare a persone anziane e principianti; Toning per scolpire il corpo; Zumbatomic per i più piccoli. www.zumba.com

DALLA COLOMBIA ALLA CONQUISTA DEL MONDO

La nuova disciplina nacque per caso negli anni ‘90, quando un giorno Beto Perez, personal trainer colombiano, improvvisò una lezione di aerobica con un mix di cassette latinoamericane che aveva con sé. Nel 2011, con gli imprenditori Alberto Perlman e Alberto Aghion, Perez registrò il marchio Zumba. In un’ora di lezione, a seconda dell’intensità del movimento, si possono bruciare fino a mille calorie.

Personal concierge

Un po’ manager, un po’ problem solver, capace di guidare e assistere il cliente durante un giro turistico o lo shopping, se è in viaggio per piacere o per lavoro; fargli riservare un intero ristorante per una cenetta intima, prenotare un elicottero o jet privati e, in ogni caso, offrire servizi personalizzati su misura delle esigenze del top manager o vip di turno. Concierge & Company (www.conciergeandcompany.com) ha sede a Milano; gli esperti del suo team possono guadagnare fino a 500 euro al giorno per portare una persona in giro per il Quadrilatero della Moda per comprare vestiti dopo aver fissato appuntamenti personali con alcuni stilisti. Un tour dei monumenti e delle principali attrazioni artistiche della città può costare 150 euro a persona, 180 per quanto riguarda una visita mirata nella Milano capitale del design, a partire dalla Triennale. L’agenzia sta inoltre definendo anche tour enogastronomici a chilometro zero. Oltre a strutture specifiche come quella citata, in Italia mettono a disposizione un destination expert anche esclusivi alberghi pluristellati come l’Hotel Danieli a Venezia, il Grand Hotel Des Iles Borromees a Stresa, l’Hotel Cala di Volpe in Costa Smeralda e l’Hotel Raffaello a Roma. www.danielihotelvenice.com/it, www.grandhotelstresa.it, www.caladivolpe.com/it, www.hotelhasslerroma.com, www.lechiavidoro.org