Connettiti con noi

Attualità

L’Antitrust indaga sulle Ferrovie dello Stato

Istruttoria aperta dopo le segnalazioni di Ntv che ipotizzavano il dumping per l’alta velocità

«Stamattina alle ore 9.10, rappresentanti dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato si sono presentati nella sede di Ferrovie dello Stato Italiane per condurre un’ispezione in relazione ad una denuncia presentata dalla società Ntv». A comunicare ufficialmente l’ispezione, che segue l’apertura dell’istruttoria da parte dell’Antitrust datata 22 maggio, le stesse Ferrovie dello Stato attraverso un comunicato stampa ufficiale diramato nelle mattina di martedì 28 maggio.

L’Autorità Garante delle Concorrenza e del Mercato ha comunicato di aver «deliberato di avviare un’istruttoria per verificare se il gruppo FS abbia abusato della propria posizione dominante nei mercati dell’accesso all’infrastruttura ferroviaria nazionale, della gestione degli spazi pubblicitari all’interno delle principali stazioni italiane e nel mercato dei servizi di trasporto ferroviario passeggeri ad alta velocità».

Una decisione questa adottata «alla luce delle segnalazioni inviate dal concorrente Ntv tra il 2012 e il maggio 2013». «Il gruppo – si legge nella nota dell’Antitrust – avrebbe attuato una strategia volta a ostacolare l’accesso all’infrastruttura ferroviaria e a rendere non profittevole l’offerta di servizi ad alta velocità da parte di Ntv: si tratterebbe di comportamenti di compressione dei margini ai danni dell’unico concorrente nel trasporto passeggeri ad alta velocità e di comportamenti ostruzionistici nell’accesso all’infrastruttura ferroviaria».

Secondo l’esposto presentato dalla società guidata da Giuseppe Sciarrone, Trenitalia sarebbe colpevole di praticare prezzi da dumping per i servizi di alta velocità. Ne sarebbero esempio le tariffe da 29 euro per la tratta Milano-Roma che secondo Ntv, non solo sarebbero talmente basse da non coprire i costi operativi, ma che sarebbero possibili solo attraverso aumenti sulle tratte locali e regionali nelle quali Trenitalia opera in condizione di monopolio.