Esa, dal satellite la super mappa della superficie terrestre

Un progetto lungo un anno. Uno strumento dettagliatissimo per studiare gli effetti del cambiamento climatico, preservare le biodiversità e gestire al meglio le risorse naturali

L’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea, ha realizzato la mappa più dettagliata e precisa della copertura del suolo del nostro pianeta. Aggiornata all’anno 2009, la mappa è stata prodotta usando i dati raccolti dal primo gennaio al 31 dicembre 2009 dallo strumento ottico Meris (uno spettrografo di media risoluzione sensibile al visibile e all’infrarosso vicino) situato a bordo del satellite ambientale Envisat. Si tratta di una copertura del territorio a livello planetario con una risoluzione 10 volte migliore di ogni mappa analoga realizzatain passato. La legenda, che utilizza il sistema di classificazione dei suoli della FAO, prevede 22 categorie diverse di territorio: coltivazioni, terre umide, foreste, superfici artificiali, acqua, ghiaccio, neve permanente. Inserita nel progetto GlobCover 2009 la mappa dimostra come sia possibile fotografare con novizia di dettagli la situazione del suolo della Terra nel giro di un solo anno, creando uno strumento molto prezioso per lo studio degli effetti del cambiamento climatico, per preservare le biodiversità e gestire al meglio le risorse naturali.

Scarica la mappa

© Riproduzione riservata