Elezioni in Grecia, Alexis Tsipras ancora premier

Il partito Syriza si aggiudica il 35,5% dei voti. Pesante l’astensionismo: solo il 56% ha votato. Neonazisti di Alba Dorata terzo partito del Paese

Due volte premier: con il 35,5% dei voti e 145 seggi, Alexis Tsipras è stato eletto, per la seconda volta consecutiva, premier della Grecia. Non avendo ottenuto la maggioranza assoluta, il partito di Tsipras, Syriza, per governare si unirà agli ex alleati nazionalisti Greci Indipendenti, che hanno ottenuto il 3,7% dei voti e 10 seggi: insieme, si sono così aggiudicati 155 seggi su 300. Il rivale, Nea Demokratia, si è dovuto invece accontentare del 28,6% delle preferenze.

NEONAZISTI TERZO PARTITO. Da segnalare, però, l’exploit dei neonazisti di Alba Dorata che sono riusciti a ottenere il 7,1%, imponendosi come il terzo partito greco. «È un mandato di quattro anni che dedico a tutti coloro che lottano, come me, per un altro domani», ha commentato con entusiasmo il premier Tsipras. «È una grande vittoria del nostro popolo. Continueremo la lotta cominciata sette mesi fa: il popolo greco è sinonimo di lotta e dignità».

UNO SU DUE NON HA VOTATO. Tuttavia, un’ombra si staglia su questa inaspettata vittoria: l’astensione alle urne. Solo il 56% dei diritti al voto si sono recati ai seggi elettorali: uno su due è rimasto a casa. «Da domani comincia la lotta per cambiare l’Europa intera», ha continuato Tsipras, «da domani dobbiamo alzarci le maniche e lavorare duramente, aiutare i deboli per una Grecia dell’uguaglianza e per la prosperità nel nostro Paese, per riuscire ad avere una Grecia più onesta e più potente».

© Riproduzione riservata