Amazon, business a 360°: dopo i prestiti alle aziende, debuttano i farmaci

Il colosso americano, dopo l’accordo con Bank of America per concedere piccoli prestiti alle imprese, lancia una linea esclusiva di prodotti farmaceutici

Continua l’avanzata inarrestabile di Amazon. La più grande Internet company al mondo, infatti, prosegue nella sua marcia di diversificazione del business. Così, dopo l’alleanza con Bank of America (BofA), la seconda banca americana per numero di clienti, con l’obiettivo di diventare creditore delle piccole aziende che già vendono prodotti o servizi attraverso il canale di e-commerce, lancia una linea di farmaci da banco, medicinali venduti senza obbligo di ricetta medica.

Prestiti alle piccole imprese partner in difficoltà

L’intesa con BofA punta verso una direzione precisa: sviluppare Amazon Lending, la divisione creata nel 2011 per concedere prestiti alle piccole aziende che già vendono su Amazon. Con il nuovo accordo, il colosso del commercio elettronico può perseguire il suo obiettivo correndo meno rischi e avendo a disposizione più capitali. L’idea è di iniziare in modo graduale, con erogazioni di somme di denaro comprese tra i 1.000 e i 750.000 dollari. Per quanto riguarda la restituzione, si parla di un tempo massimo di un anno, con tassi che possono variare dal 6% al 14%.

Farmaci da banco a prezzi concorrenziali

Basic care: è questo il marchio scelto da Amazon per la sua prima linea di prodotti farmaceutici. Chiaro il riferimento ad AmazonBasics, il nome utilizzato per migliaia di articoli venduti sulla piattaforma digitale che costano un po’ meno rispetto agli originali, ma funzionano allo stesso modo e sono garantiti dal marchio Amazon. Del resto, il principio è lo stesso: anche i farmaci da banco di Amazon, infatti, sono simili agli originali griffati, ma costano meno. La linea è già in vendita negli Stati Uniti e comprende una sessantina di principi attivi molto utilizzati, come l’ibuprofene.

© Riproduzione riservata