Danone: nuovi ruoli per Sonia Malaspina e Pietro Paolo Origgi

La manager assume l’incarico di direttrice Relazioni istituzionali, Comunicazione e Sostenibilità dell’azienda. Origgi le subentra come direttore delle Risorse Umane

Danone-Malaspina-Origgi

Novità in Danone con Sonia Malaspina che ha assunto l’incarico di direttrice Relazioni istituzionali, Comunicazione e Sostenibilità dell’azienda. La manager, già direttrice delle Risorse Umane, subentra a Salvatore Castiglione. Nel suo nuovo ruolo, Malaspina coordina le relazioni istituzionali, la comunicazione, le relazioni con la comunità scientifica e guida il team che si occupa di Sostenibilità. All’interno delle associazioni di categoria, ricopre ruoli di responsabilità in qualità di presidente del Gruppo Prodotti Vegetali in seno a Unione Italiana Food. Ad assumere le redini delle Hr di Danone Italia e Grecia è Pietro Paolo Origgi.

Il profilo di Sona Malaspina

Sonia Malaspina, con esperienze pregresse in Lucent Technologies, Dell e Kellogg, nel 2011 assume il ruolo di direttrice delle Risorse Umane in Mellin, allora società del Gruppo Danone, per poi ricoprire il medesimo ruolo in Danone Italia e Grecia dal 2016, entrando successivamente a far parte anche del Consiglio di amministrazione.

Malaspina è impegnata sui temi di cura, pari opportunità e valorizzazione della diversità come leva per la creazione di valore economico e sociale. Nel 2011 ha ideato e implementato la Parental Policy in Italia, diventata Policy estesa nel 2017 a tutto il mondo in Danone. La manager ha presentato il caso italiano al Ministero delle Pari opportunità in Italia, alle United Nations Women, all’International Labour Office nel Centenario di Maternity Protection e recentemente al Consiglio d’Europa e il Global Salzburg Seminar.

Nel 2020 ha lanciato in Danone la Caregiver Policy che prevede il supporto alle persone che in azienda si occupano dei genitori anziani e delle persone fragili. Ha portato l’azienda a conseguire diverse certificazioni, tra cui la certificazione nazionale di genere UNI Pdr125/22 nel giugno di quest’anno e la certificazione Gender Equality European & International nel 2018.

È presidente del Comitato scientifico di Winning Women Institute e membro del Consiglio di amministrazione di Fondazione Adapt.

Il profilo di Pietro Paolo Origgi

Origgi ha ricoperto diversi ruoli in ambito Hr in aziende di settori diversi tra cui Novartis Company nella quale ha svolto un periodo importante del suo percorso professionale e dove ha potuto consolidare le sue competenze e conoscenze in ambito Risorse Umane.

Dal 2014 lavora in Danone ricoprendo da settembre 2023 il ruolo di Hr Director Italia e Grecia. Fortemente impegnato nello sviluppo del potenziale e del talento delle persone al fine di consentire il raggiungimento di risultati aziendali sostenibili, in questi anni in Danone sta svolgendo un ruolo cruciale nella realizzazione della strategia HR e nel conseguimento dei risultati eccellenti di ingaggio delle persone e della trasformazione culturale.

È coach certificato dall’International Coach Federation. Pietro Paolo Origgi è papà di tre bambine e attivista sui temi dell’inclusione. Crede fortemente inoltre nei valori del volontariato come strumento per la crescita personale e della società che abitiamo praticando lui stesso volontariato in ambito socio-assistenziale dal 1997.

© Riproduzione riservata