Connettiti con noi

People moving

Claudia Sequi eletta presidente di Assopellettieri

L’imprenditrice fiorentina, in carica per il biennio 2023-2024, succede a Franco Gabbrielli. Al centro del suo programma, il dialogo e la sinergia fra brand del lusso, pmi e produttori

Claudia-Sequi-Assopellettieri

Claudia Sequi, imprenditrice fiorentina, 55 anni, vicepresidente della società Pelletterie Claudia, è stata eletta presidente di Assopellettieri, associazione italiana aderente a Confindustria e a Confindustria Moda. Sequi, già da diversi anni all’interno del Consiglio generale di Assopellettieri, sarà in carica per il biennio 2023-2024, sostituendo Franco Gabbrielli, che guidava l’Associazione dal 2019.

La presidenza di Assopellettieri

Con l’obiettivo di migliorare la comunicazione e la sinergia, ma soprattutto di avviare progetti in grado di rispondere alle esigenze specifiche delle diverse tipologie di aziende, la nuova presidente ha nominato quattro vicepresidenti, ognuno dei quali a rappresentanza delle varie anime dell’Associazione. A comporre la squadra di presidenza ci saranno, dunque, Stefania Orselli, Global People & Labour Law Industrial-Relations Director di Gucci, che si occuperà dei rapporti con le istituzioni e i sindacati; Stefano Giacomelli, a.d. di Tivoli Group a rappresentanza dei grandi produttori per i brand; Riccardo Braccialini, amministratore delegato di Pelletteria Fiorentina Montecristo, ai rapporti con Confindustria e Confindustria Moda; e Carlo Briccola, Plant Director dello stabilimento di Olgiate Comasco di Bric’s Valigeria Fine, punto di riferimento per i giovani imprenditori e il settore Travel.

La strategia di Claudia Sequi

Prima donna presidente di Assopellettieri, Claudia Sequi ha tracciato le linee programmatiche che orienteranno il suo mandato in continuità con il percorso intrapreso da Gabbrielli. Fra i temi più caldi formazione, sostenibilità, internazionalizzazione, dialogo con le istituzioni e, soprattutto, attenzione e giusto spazio a tutte e tre le anime della pelletteria Made in Italy: i brand del lusso, le pmi e i produttori.

“Siamo in un momento cruciale per le nostre aziende e sento molto forte la responsabilità di proseguire il percorso e i nuovi progetti avviati dalla presidenza Gabbrielli”, ha commentato Sequi. “Per me sarà molto importante il concetto di squadra. Non navighiamo certo in acque tranquille, ma remando tutti insieme possiamo provare a fronteggiare i venti avversi”.