Manageritalia, Guido Carella confermato presidente

Al vertice dalla scomparsa di Lorenzo Guerriero, Carella guiderà l’associazione per il quadriennio 2012-2016. “Inqualificabile quanto accade a livello politico – afferma – Il nostro contributo per definire un futuro migliore

Di fronte a giochi politici “inqualificabili”, tra “spartizioni di vertici di Agcom e Privacy” e il protrarsi di “comportamenti lesivi del bene comune”, il governo Monti deve mantenere quanto promesso e procedere nelle riforme; solo così “avrà sicuramente l’appoggio, se non dei poteri forti, della maggioranza sana del Paese”. E’ il monito del presidente di Manageritalia, Guido Carella che, nel corso della 79esima Assemblea dell’associazione, detta le linea guida per il futuro. Appena rieletto per il prossimo quadriennio 2012-2016, Carella ha sottolineato come Manageritalia abbia davanti a sé “un quadriennio denso di impegni e obiettivi da raggiungere. Sono certo – ha aggiunto – che li raggiungeremo grazie all’ottimo lavoro sin qui svolto e a quanto faremo tutti insieme con gli organi direttivi della Federazione e delle associazioni, dei 250 delegati e degli oltre 35.000 manager associati”.La priorità nei prossimi quattro anni sarà quella di convincere il Paese del contributo che i manager possono dare per la crescita dell’economia. “Stiamo potenziando i servizi offerti ai nostri associati per favorirne la ricerca di opportunità e la ricollocazione – ha aggiunto Carella – il mercato dei manager “in uscita” è fin troppo dinamico, vorremmo che tante risorse qualificate non venissero sprecate quando le aziende, soprattutto Pmi, ne hanno assoluto bisogno per competere.Insieme al nuovo presidente l’Assemblea di Manageritalia, riunita a Milano, ha eletto Alessandro Baldi (59 anni) e Mario Mantovani (52 anni) alla vicepresidenza. Guido Carella (65 anni) l’anno scorso era subentrato alla presidenza per la scomparsa dell’allora presidente Lorenzo Guerriero.

“Progetto manager” – La rubrica di Guido Carella

© Riproduzione riservata