Perché è necessaria una strategia nella gestione del ciclo di vita del prodotto?

Circular economy concept.Eliminate waste and pollution. Sharing, reusing,repairing,renovating and recycling existing materials and products as much possible

Il ciclo di vita di un prodotto ha una importanza strategica per l’azienda produttrice, sia in termini di competitività che di relazione con i consumatori. Ogni anno i mercati sono inondati da innumerevoli lanci di nuovi prodotti, che entrano in contatto con il consumatore e concludono il loro ciclo di vita dopo un determinato periodo.

La durata di un prodotto, o meglio la gestione del ciclo di vita , rappresenta la chiave per ottenere un profitto anche nel futuro. Per questo motivo la gestione del ciclo di vita dei prodotti rappresenta un elemento chiave delle strategie aziendali.

Ma esattamente, cos’è il ciclo di vita del prodotto? Ce lo spiega Nuovamacut, organizzazione che aiuta le aziende ad integrare sistemi tecnologici in grado di migliorare i processi produttivi: il ciclo di vita del prodotto (PLC) fa riferimento alle fasi che un prodotto attraversa dalla sua realizzazione all’eventuale obsolescenza, da gestire con processi e strategie mirate all’ottenimento di un guadagno costante in termini di costi e risorse.

Che cos’è e come funziona la gestione del ciclo del prodotto

Il Product Lifecycle Management (PLM), comunemente definito la gestione del ciclo di vita del prodotto, è un vero e proprio approccio strategico alla gestione di tutte quelle informazioni relative al ciclo di vita di un prodotto: dati, processi, documenti, risorse, materiali e informazioni che servono dall’ideazione di un nuovo prodotto o servizio fino al suo fine vita.

Il PLM è un sistema che unisce tecnologia, metodologia e organizzazione del lavoro collaborativo, combina i diversi team di un’azienda produttrice e definisce i processi per la gestione efficiente del ciclo di vita di un prodotto.

Le soluzioni PLM sono sistemi tecnologici intelligenti, oggi disponibili in commercio anche in versione cloud, che permettono di risparmiare tempo ed eliminare tutti i possibili errori durante la gestione del ciclo di vita di un prodotto. Come? Attraverso l’unione di tutti i dati relativi a un prodotto, condivisibili per promuovere la collaborazione tra i diversi team e il controllo dei processi.

Le fasi del ciclo di vita di un prodotto

Le fasi del ciclo di vita di un prodotto sono 4: introduzione, crescita, maturità e declino.

L’introduzione rappresenta la fase di lancio di un nuovo prodotto, che necessita di costi elevati legati alla pubblicità, alla promozione e all’incentivare le richieste.

In questa fase è importante avere una chiara definizione del mercato prima del lancio del prodotto, così da aumentare le probabilità di successo. L’obiettivo è costruire una posizione dominante e attirare il più possibile l’attenzione dei consumatori.

La seconda fase della gestione del ciclo di vita di un prodotto è la crescita, ovvero un periodo in cui la consapevolezza dei consumatori è già aumentata e l’azienda produttrice ha già implementato una strategia di distribuzione appropriata.

In questa fase il mercato ha accettato il prodotto e quest’ultimo è in fase di testing, i consumatori lo stanno provando ed è necessario aumentare la distribuzione per soddisfare la domanda.

La terza fase del ciclo di vita di un prodotto è la maturità, ovvero il periodo in cui il volume delle vendite rallenta e inizia a stabilizzarsi, il prodotto raggiunge la sua maturità sul mercato e per ottenere un profitto costante è necessario ridefinire i mercati target, migliorare le caratteristiche del prodotto stesso o ridurre i prezzi.

Infine si assiste alla fase di declino, la fase finale della vita di un prodotto che vede una netta riduzione dei profitti e l’azienda produttrice ha pianificato la fine ufficiale del prodotto che non verrà più aggiornato/modificato. A questo punto è necessario ridurre al minimo le spese legate alla promozione del prodotto, ridurne la distribuzione e incentivare i clienti a esaurire le scorte ancora presenti.

© Riproduzione riservata