Un “Castello” a Portofino per il Four Season di Bill Gates

Il magnate americano, proprietario della celebre catena alberghiera, avrebbe chiuso la trattativa per la villa nei pressi della Salita di San Giorgio, che fu della famiglia Mumm

Portofino-Castello-San-Giorgio-Bill-Gates© Getty Images

Portofino si conferma meta ambita per il turismo di lusso a livello internazionale. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, il magnate americano Bill Gates avrebbe acquistato villa San Giorgio, nota come il Castello di Portofino per una cifra compresa tra i 50 e i 60 milioni di euro. Un’operazione effettuata tramite la catena alberghiera Four Season, di cui il fondatore di Microsoft è socio di maggioranza con il 71,25% delle quote, che punterebbe a realizzare un hotel di lusso.

Il Castello di Portofino a Bill Gates

L’immobile, situato nei pressi della Salita di San Giorgio, è oggi a uso residenziale ed è suddiviso in 12 mini appartamenti con ascensore privato che porta a una spiaggetta privata sottostante. In passato di proprietà della famiglia Mumm, produttrice del celebre champagne, oggi il Castello di Portofino sarebbe abitato da diverse famiglie facoltose, tra cui i Loro Piana e Armani.

Affinché i piani della catena Four Season diventino realtà, bisognerà superare ostacoli burocratici di non poco conto. “Il piano regolatore è molto chiaro e lì ci può andare solamente una villa a uso residenziale. Immagino che Bill Gates lo sappia”, ha chiarito il sindaco di Portofino, Matteo Viacava. “Siamo contenti che una persona così importante abbia dimostrato interesse per Portofino, ma le regole sono regole e vanno rispettate da tutti”.

Bill Gates sarebbe solo l’ultimo miliardario ad aver messo gli occhi sullo splendido borgo ligure. A parte la villa di Piersilvio Berlusconi, in via di restauro, negli ultimi mesi ci sono state le acquisizioni di Dolce e Gabbana, Jacquemuse e Louis Vuitton senza dimenticare il magnate Bernard Arnault che ha acquistato l’hotel Splendido*.


* Articolo aggiornato il 5 ottobre alle ore 15.15

© Riproduzione riservata